NEWSLETTER   NOTIZIE DEL GIORNO ULTIMO

 

CARTA DOCENTE 980X40

Visualizza articoli per autore: Alessandro Giuliani

Il sostanziale via libera agli aumenti in busta paga di docenti Ata scatena le rivendicazioni dei rappresentanti dei lavoratori degli altri comparti dela PA. Dopo il sindacato di polizia Silp-Cgil, arriva il commento davvero aspro del Cocer della Guardia di Finanza: chi lavora in silenzio e con responsabilità, rispettandoe regole, è sempre sistematicamente fregati.

I fondi necessari a ripristinare gli scatti d'anzianità mancanti, ma non tutti perchè rimane il “buco” del 2013, verranno prelevati dal 30% di risparmi derivanti dai tagli dell'era Gelmini (sono stati accantonati 120 milioni di euro) e poi, per la restante parte probabilmente come in passato dal Mof. I commenti dei sindacati di categoria sono in agro-dolce. E quello di polizia Silp-Cgil avverte: ora tocca a noi.

Quella prospettata dal Governo è una soluzione alla questione del riconoscimento delle anzianità raggiunta attraverso un fitto percorso contabile che differenzia e pospone di anno in anno il riconoscimento degli aumenti. A sostenerlo è Massimo Di Menna, leader della Uil Scuola. Ecco il “balletto” degli anni: il 2012 verrà riconosciuto solo se si chiude la trattativa all'Aran; 2013, non è valido, resta infatti in piedi il blocco previsto dal governo; 2014, è valido grazie al provvedimento emanato oggi da Palazzo Chigi sia come anzianità sia come aumento di stipendio.

Lo ha detto il ministro della Difesa, Mario Mauro, a margine del breve Consiglio dei ministri di venerdì 17 gennaio che ha dato il via libera al decreto legge sugli scatti degli insegnanti. A breve le necessarie delucidazioni, ma per ora di sicuro si può dire che si allarga la platea dei dipendenti interessati: nel provvedimento del Governo, infatti, si citano anche le progressioni del 2014.

L’auspicio è del presidente della comunità ebraica di Roma, Riccardo Pacifici. Questi istituti in Italia sono solo 4 e si trovano a Roma, Milano, Torino e Trieste. A sceglierli sono 3 bambini ebrei su 4 in età di scuola primaria, il 60% di quelli in età di scuola media e il 30-40% di quelli in età di superiori. Lo Stato ad oggi concede solo un piccolo contributo per il primo ciclo, gli altri ordini sono a totale carico di famiglie e comunità.

In diversi istituti salta l’igiene minimo. Nel veneziano genitori e insegnanti scendono in strada "armati" di detersivi e ramazze. A Marghera i manifestanti occupano gli attraversamenti pedonali. Anche i lavoratori Lsu del comparto hanno le loro ragioni: protestano contro i tagli ai finanziamenti e a Napoli sfilano in corteo per le strade del centro. In serata raggiunto l’accordo con una delle società appaltatrici del servizio in Veneto. Ma la situazione rimane calda.

Incrementi anche di voti maggiori di 80/100 e di 100 e lode: i dati, relativi all'anno scolastico 2012/13, sono contenuti in un Focus sull'argomento pubblicato dal Miur. La Matematica si conferma croce e delizia: tante insufficienze, tante eccellenze. E' il primo anno di corso il più selettivo.

Ammissione del Ministro nel corso di un question time alla Camera sugli scatti di anzianità: occorre pensare a un reinvestimento nel fondo di funzionamento delle scuole. Sui 150 euro, ancora in “ballo”, si procederà con una compensazione tra una riduzione e un accredito immediatamente successivo. Ma per i sindacati le cose stanno diversamente.

Il Mef ha pubblicato un avviso attraverso cui si ribadisce quanto già comunicato da Palazzo Chigi: i 150 euro verranno sottratti, ma subito rimborsati. Per il 2013 rimane tutto in forse: dipenderà dalle “decisioni che verranno assunte in sede governativa”. Una sottolineatura che mette ansia ai sindacati.

Svolge la professione in New Jersey. E ad andare in pensione non ci pensa nemmeno. Insegna "economia domestica". I suoi alunni, pare, che la adorino e la chiamino 'nonnina'. Ma la sua storia è un po’ sui generis: ha iniziato ad insegnare ad 81 anni. Prima era una casalinga. Non importa se è una “bufala” di oltre Oceano: quel che conta è il messaggio di attaccamento alla professione.

Archivio-storico 300