NEWSLETTER   NOTIZIE DEL GIORNO ULTIMO

 

CARTA DOCENTE 980X40

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Archivio
    Archivio Contiene un elenco di blog che sono stati creati in precedenza.

Blog Tecnica della scuola

Oggi 25 Marzo 2017, alle ore 10, a Roma presso il Palazzo dei Conservatori in Campidoglio, si celebrerà il 60° anniversario della firma dei trattati dell’Unione Europea . Si tratterà di un momento unico di incontro e di riflessione anche per tutti i movimenti italiani e le associazioni di e per persone con disabilità , per” guardare” fuori dei confini di casa nostra. Sono più di 50 milioni i cittadini disabili , pari al 10% dell’intera popolazione europea, con seri problemi di integrazione sociale: questo il dato diffuso dall’European Disability Forum (EDF), da venti anni in prima linea nella lotta per...
Continua a leggere
in Uncategorized 338
C’ero anch’io la mattina del 25 marzo 1957, nella Piazza del Campidoglio a Roma, sotto le finestre della Sala degli Orazi e Curiazi dove si firmavano i trattati istitutivi dell’Europa a Sei, unita nella Comunità Economica Europea e nell’Euratom. C’ero anch’io, tra la folla degli europeisti, con l’entusiasmo dei miei 15 anni. Volevo essere testimone, sostenitore e in qualche modo partecipe di un atto politico che, speravo, avrebbe cambiato la storia del nostro continente orientandola nel senso della pace e dell’amicizia tra i popoli. Ricordo che l'adesione ai trattati del 1957 (dopo l’istituzione della Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio, ottenuta...
Continua a leggere
in Uncategorized 385
 E’ in arrivo una delle deleghe attuative della legge 107/2015, una delle più tecniche e delicate, quella che riguarda l'inclusione degli alunni/studenti con disabilità. Dopo che le associazioni, nei mesi scorsi, avevano denunciato criticità e richiesto alcuni cambiamenti, le commissioni Cultura e Affari Sociali hanno licenziato un testo «che a detta delle relatrici On. Simona Malpezzi e On. Eleonora Carnevali “mira a costruire una scuola la più inclusiva possibile». Tante le modifiche proposte. Innanzitutto, si rimette al “centro” la famiglia, che partecipa a tutte le fasi: dalla formulazione del profilo di funzionamento dell’alunno (che sostituisce la valutazione diagnostica funzionale, come chiesto...
Continua a leggere
in Uncategorized 1793
Si è aperto un interessante dibattito sull’utilità dell’alternanza scuola lavoro secondo le modalità previste dalla legge 107/2015. Finora, come leggiamo sulla stampa, gli scenari appaiono piuttosto deludenti rispetto alle finalità di innovazione e di sviluppo di competenze utili, certificate e spendibili nel mondo del lavoro. Le voci critiche sono numerose, e anche gli osservatori più cauti devono riconoscere le difficoltà. Soltanto Confindustria difende ad oltranza questa “conquista” e continua a ribadire “no a passi indietro”. Fa bene il sottosegretario Toccafondi a ricordare che “è necessario progettare attentamente i percorsi, che non possono essere frutto di improvvisazione, e formare adeguatamente i docenti”....
Continua a leggere
in Uncategorized 8669
      Con queste mie riflessioni, riprendo più diffusamente alcune mie considerazioni sul “caso” di DJ Fabo, rilasciate a questo giornale nel corso di una recente intervista.   La morte del DJ Fabo (il giovane milanese tetraplegico e cieco in seguito a un incidente, che ha scelto nell’indifferenza generale il suicidio assistito in Svizzera perché si sentiva abbandonato da tutti e dallo Stato), dimostra una volta di più che in Italia non siamo ancora pronti per certi argomenti “scottanti” e che, come brillantemente scritto qualche settimana fa da Daniele Piccinin sulle pagine di Ofcs Report, ci troviamo di fronte «più...
Continua a leggere
in Uncategorized 1699
    Ricordo che i programmi scolastici degli anni del dopoguerra in cui io frequentai la scuola elementare e la scuola media sembravano avere tra i loro obiettivi educativi quello di abituare i bambini e i ragazzi all'idea di morire già da piccoli.     Venivamo infatti obbligati a imparare a memoria dei lugubri tormentoni poetici che spaziavano in lungo e in largo sul tema della morte: dall’ira funesta del Pelide Achille "che infiniti addusse lutti agli Achei" al mortal sospiro del Bonaparte, dai Sepolcri del Foscolo ai "trecento… giovani e…morti" del Settembrini, dal "Pianto antico" del Carducci per il figlioletto sepolto...
Continua a leggere
in Uncategorized 1396
Nei giorni scorsi, come ogni anno, la Corte dei Conti ha prodotto la “Relazione sul risultato del controllo eseguito sulla gestione finanziaria dell’INPS”. Nel 2015, sono state presentate all’INPS 1.631.656 domande, cui corrisponde un numero di prestazioni richieste pari a 2.761.680 (a una stessa domanda, infatti, può essere abbinata la richiesta di più prestazioni), riguardanti prevalentemente l’invalidità civile (1.456.659) e il riconoscimento dello stato di handicap (1.141.373) (29.766 per la cecità civile, 19.957 per la sordità e 113.925 ai fini del collocamento mirato, come da Legge( 68/99). Attualmente, in base alla relazione della Corte dei Conti, i tempi medi di liquidazione...
Continua a leggere
in Uncategorized 807
  Il principio base di una somma annuale per l’aggiornamento professionale era buono. Visto che gli stipendi dei docenti italiani sono fra i più bassi d’Europa, almeno paghiamo loro le spese per corsi, libri, riviste, materiali, musei, spettacoli, che contribuiscono ad arricchire l’esperienza professionale e le ricadute sulla didattica. Leggiamo invece sulla stampa che la carta del docente con i 500 euro da spendere è un flop. Finora gli iscritti alla piattaforma cartadeldocente.istruzione.it sono il 40%. I motivi sono diversi. In primo luogo la procedura complicata, con vari passaggi che sembrano studiati apposta per dissuadere. In secondo luogo la scelta molto...
Continua a leggere
in Uncategorized 925
Dura lex, sed lex questa è una frase latina che invita tutti a rispettare la legge anche se questa dovesse essere punitiva. Tuttavia, nonostante il senso del rispetto delle leggi è da considerarsi una cosa scontata, la critica ad una brutta legge è un atto di assoluto civismo. Come scriveva Cicerone, con il suo “Summum ius, summa iniuria”, così possiamo affermare che i commi 126 e 127 della legge 107/2015 rappresentano un’aberrazione normativa che è sotto gli occhi di tutti. Si tratta dei due commi che regolano la distribuzione del cosiddetto bonus del merito a un numero esiguo di docenti considerati,...
Continua a leggere
in Uncategorized 8957
    C’eravamo tanto odiati, tra italiani e iugoslavi sloveno-croati. I rapporti tra i due popoli nel secolo scorso erano stati avvelenati, da entrambe le parti, con vessazioni, persecuzioni, violenze, massacri di innocenti, politiche di “snazionalizzazione”, “bonifiche etniche”, deportazioni, esodi forzati in massa.     I picchi contrapposti della ferocia xenofoba erano stati toccati, rispettivamente, dal regime fascista di occupazione italiana della Slovenia tra il 1941 e il 1943, e dai partigiani comunisti iugoslavi con le stragi terroristiche delle foibe (e non solo) in Istria tra il 1943 e il 1947, che provocarono la fuga di 350mila italiani dai territori della Venezia...
Continua a leggere
in Uncategorized 1644
    Il Network per l’Inclusione Scolastica (NIS) è fortemente consapevole dell’importanza che il procedimento di valutazione deve ricoprire ormai per l’erogazione di servizi di qualità e di “eccellenza” anche da parte delle varie Istituzioni pro ciechi. Pertanto, come avviene già da tempo per tutte le Pubbliche Amministrazioni, che vi dedicano risorse ed elaborano strategie, la valutazione deve diventare anche per l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti e per i suoi Enti collegati, di cui il NIS è espressione e sintesi, un’attività centrale ed “istituzionale” per testare la qualità di tutti i servizi di loro competenza. Si tratta di una...
Continua a leggere
in Uncategorized 620
    Un giorno, a scuola, un mio alunno di prima media, "enfant terrible", annunciò che avrebbe cercato nel vocabolario di italiano le parolacce. Trovatane una, “divertentissima” (di quattro lettere, che cominciava per "c" e finiva per "o"), la mostrava ridacchiando ai vicini di banco. E poiché io gli tolsi di mano quel divertimento, proclamò con l’aria di chi, a 11 anni, la sa già lunga: “Tanto, io, di parolacce, ce n’ho pieno un quaderno”.     Riflettei che quel bambino diceva le parolacce per sentirsi "grande", alla stessa maniera di certi adulti rimasti bambini che cercano di darsi importanza ricorrendo al...
Continua a leggere
in Uncategorized 1459
Ogni anno, a fine gennaio, il mondo dell'educazione si ritrova a Londra alla più importante fiera europea delle tecnologie didattiche. Nei tre giorni conclusisi ieri migliaia di persone hanno visitato, presso la fiera Excel London collocata nella zona dei docks che brulicano di cantieri e gru, Bettshow . Partecipando acentinaia di seminari, forum, discussioni che si sono susseguiti a ritmi incalzanti sino al 28 gennaio.   Rispetto agli anni precedenti l’edizione 2017 del Bett mi è parsa meno capace di fornire una chiara direzione di marcia. Come se la mappa si fosse resa ancora più policentrica, plurale ma senza un evidente...
Continua a leggere
in Uncategorized 1312
Funzionò per 12 anni a Dachau, nei dintorni di Monaco di Baviera, il prototipo dei campi di lavoro e sterminio che i nazisti impiantarono nei territori occupati durante la Seconda guerra mondiale. Allestito nel marzo 1933, poco dopo l’ascesa al potere di Hitler - inizialmente per rinchiudervi cittadini tedeschi ostili al regime, ebrei, zingari, testimoni di Geova, omosessuali e “asociali” - fu scoperto per caso e liberato il 29 aprile 1945 da una colonna di soldati americani che aveva sbagliato strada, prima che i 32.335 deportati superstiti - quasi tutti stranieri - fossero eliminati. Qui si esercitarono, imparando il “mestiere” di...
Continua a leggere
in Uncategorized 2153
  Una docente telefona a Il Giornale per chiedere se è giusto tenersi il bonus merito con cui è stata premiata o rifiutarlo secondo la linea suggerita dai rappresentanti sindacali. La prof sessantenne, sedicente “vecchio stampo”, dice che il bonus attribuitole dalla preside “rappresenta una grande soddisfazione morale, un attestato al mio impegno e alla qualità del mio lavoro per una serie di progetti didattici che ho realizzato per i miei alunni”. “Vi  sembra giusto –chiede la prof a Il Giornale- che rinunci al bonus per far contenti i miei colleghi del sindacato?”. Il bonus che rende questa professoressa tanto orgogliosa...
Continua a leggere
in Uncategorized 4693
“Francamente…”, “sinceramente…”, “a dire il vero…”: chi usa espressioni di questo tipo, sembra voler interpretare la figura del bugiardo abituale ma “gentiluomo”, che ogni tanto fa lo sforzo di non mentire con suoi interlocutori e si premura di avvisarli.     Viviamo in un società spesso fuorviata da piccole e grandi bugie, da informazioni manipolate e distorte, da statistiche false, e persino da autentiche "bufale" (notizie  totalmente inventate), che ci vengono propinate attraverso i mass-media e i social-media, senza rispetto per la verità. “Che cos’è la verità?”, si domandano infatti i moderni Ponzio Pilato, teorizzatori e sostenitori della "post-verità".     La post-verità!...
Continua a leggere
in Uncategorized 1057
Ha suscitato clamore nazionale la presa di posizione di una dirigente scolastica di un istituto di Padova di fronte al caso di un docente titolare di cattedra, in congedo da inizio anno, che si è presentato a scuola solo un giorno, il 23 dicembre, per riprendere il congedo dal 9 gennaio. Questo rientro in servizio ha provocato il licenziamento di  una “brava” supplente, finalmente trovata in data 2 dicembre e rimasta in cattedra solo una ventina di giorni. Pochini forse per guadagnarsi il titolo di “brava”. Ma certo è stata una bella fatica trovarla dopo tre mesi da inizio anno scolastico....
Continua a leggere
in Uncategorized 1867
Zygmunt Bauman, nato nel 1925, è morto il 9 gennaio 2017 a 91 anni. In questi giorni sono e saranno moltissimi i ricordi e le riflessioni sulla vita e sull’opera di uno dei più importanti pensatori degli ultimi 50 anni. Senza alcuna pretesa di esaustività dedico questa breve riflessione all’opera d Bauman cercando di prestare particolare attenzione alle ricadute educative delle sue analisi. Nato in Polonia ha studiato e lavorato all’università di Varsavia da dove è fuggito nel 19168 a motivo della ripresa delle politiche antisemite da parte del potere politico. Dopo aver insegnato alcuni anni a Tel Aviv è...
Continua a leggere
in Uncategorized 1536
Il 2016 stava per volgere al termine e, prorio in “extremis”, hanno avuto la luce i nuovi LEA. Infatti, qualche settimana fa, le Commissioni Sanità del Senato e Affari Sociali della Camera hanno finalmente formulato i loro pareri sullo schema di Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri riguardante la definizione e l’aggiornamento dei LEA Sanitari (Livelli Essenziali di Assistenza). In pratica, il decreto definisce i criteri dei nuovi Livelli essenziali di assistenza in 3 ambiti: “prevenzione collettiva”, “assistenza distrettuale” e “assistenza ospedaliera”. Una delle principali novità rispetto al vecchio decreto è rappresentata dal nuovo nomenclatore sull’assistenza protesica, insieme all’aggiornamento degli...
Continua a leggere
in Uncategorized 1344
Ripropongo questo mio raccontino umoristico in cui si fa riferimento allo scomparso Tullio De Mauro, ministro della Pubblica istruzione, pubblicato il 10 febbraio 2001 nella rivista "La Tecnica della Scuola" e poi riportato nel mio libro "Ad cathedram - Spirito e materie" (Ed. La Tecnica della Scuola, 2004). * All’alba del 19 gennaio 2001, la maestra Amalia fu attratta da un titolo del Corriere della Sera che sintetizzava una straordinaria proposta del ministro della Pubblica istruzione De Mauro: “Insegniamo ai bimbi la lingua degli immigrati: almeno i rudimenti alle elementari, così alunni italiani e stranieri possono comunicare”. Si fece prestare il...
Continua a leggere
in Uncategorized 693