NEWSLETTER   NOTIZIE DEL GIORNO ULTIMO

 

CARTA DOCENTE 980X40

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Archivio
    Archivio Contiene un elenco di blog che sono stati creati in precedenza.

Blog Nicola Bruni

    Papa Francesco, il prossimo 20 giugno, andrà a pregare sulla tomba di don Lorenzo Milani nel cimitero di Barbiana (in provincia di Firenze), a 50 anni dalla morte, come atto di riparazione verso "un grande educatore italiano" e un fedele sacerdote di Cristo che fu incompreso, censurato e ingiustamente emarginato dalle autorità ecclesiastiche del suo tempo. Intanto, lo ha riabilitato con forza in un videomessaggio inviato lo scorso 23 aprile a Milano, alla presentazione di un grosso volume dei Meridiani Mondadori che ne raccoglie "Tutte le opere", comprese le lettere.     Il Papa ha detto che l'inquietudine di don...
Continua a leggere
in Uncategorized 282
    "Mi chiami ministra, prego!". Si racconta che la senatrice Valeria Fedeli, titolare del ministero della Pubblica istruzione, lo scorso 8 aprile abbia corretto un giornalista che l'aveva chiamata "ministro", durante una conferenza stampa a Palazzo Chigi. E che abbia motivato quel suo richiamo sostenendo che la parità di genere si raggiunge anche distinguendo il femminile dal maschile nell'uso dei sostantivi.    Brava! Concordo con lei e la applaudo. Anche perché ha avuto il coraggio di prendere le distanze dalla diva Maria Elena Boschi che, quando era ministra delle Riforme costituzionali del Governo Renzi, dichiarò in tv che preferiva essere chiamata "ministro"....
Continua a leggere
in Uncategorized 1049
    Ricordo le vacanze estive che trascorrevo da bambino in Calabria, a Dasà, paese di origine di mio padre, nei primi anni '50: non c'era l'acqua corrente nelle case, e bisognava rifornirsi alla fontana pubblica con anfore di argilla; non c'era la rete fognaria, e i bisogni si facevano in un vaso, che di notte qualcuno della famiglia doveva andare a svuotare nel torrente che costeggia il paese; per lavare i panni le donne si recavano ad un lavatoio pubblico dove scorreva un ruscello; le masserie di campagna non avevano la luce elettrica. Le strade provinciali erano in terra battuta; quelle...
Continua a leggere
in Uncategorized 920
Avremo, con la Brexit, una testa coronata in meno nel consesso dei capi di Stato dell'Unione Europea, ma ci consoleremo conservando ben 6 monarchie (Spagna, Svezia, Danimarca, Olanda, Belgio e Lussemburgo) democraticamente mescolate con 21 repubbliche, e aumentando dal 75 al 77,78 per cento il tasso di egualitarismo repubblicano della compagine comunitaria.     Subiremo certamente delle perdite nel campo degli scambi commerciali, ma in misura inferiore ai danni economici e finanziari che ricadranno sul Regno Unito con l'uscita effettiva dal mercato comune europeo.     Il Governo di Londra potrà sottrarre ai cittadini dei Paesi rimasti nell'UE una serie di benefici di...
Continua a leggere
in Uncategorized 831
Ho conosciuto il grande vignettista Benito Jacovitti, alias Jac (1923-1997), nella redazione romana del quotidiano Il Giorno, dove negli anni '80 andava a portare i suoi disegni. Lo ricordo alto, massiccio e con i capelli a spazzola, sempre molto cordiale. Raccontò che da ragazzo era così magro da meritarsi il soprannome di Lisca: di qui il suo vezzo di firmarsi nei fumetti con il simbolo di una lisca di pesce stilizzata. Ironizzava sul fatto che i suoi genitori lo avevano chiamato "Benito, Franco, Giuseppe", dicendo: "Mi manca solo Adolfo (che nel 1923 non era ancora al potere) per incarnare in me tutti...
Continua a leggere
in Uncategorized 695
C’ero anch’io la mattina del 25 marzo 1957, nella Piazza del Campidoglio a Roma, sotto le finestre della Sala degli Orazi e Curiazi dove si firmavano i trattati istitutivi dell’Europa a Sei, unita nella Comunità Economica Europea e nell’Euratom. C’ero anch’io, tra la folla degli europeisti, con l’entusiasmo dei miei 15 anni. Volevo essere testimone, sostenitore e in qualche modo partecipe di un atto politico che, speravo, avrebbe cambiato la storia del nostro continente orientandola nel senso della pace e dell’amicizia tra i popoli. Ricordo che l'adesione ai trattati del 1957 (dopo l’istituzione della Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio, ottenuta...
Continua a leggere
in Uncategorized 732
    Ricordo che i programmi scolastici degli anni del dopoguerra in cui io frequentai la scuola elementare e la scuola media sembravano avere tra i loro obiettivi educativi quello di abituare i bambini e i ragazzi all'idea di morire già da piccoli.     Venivamo infatti obbligati a imparare a memoria dei lugubri tormentoni poetici che spaziavano in lungo e in largo sul tema della morte: dall’ira funesta del Pelide Achille "che infiniti addusse lutti agli Achei" al mortal sospiro del Bonaparte, dai Sepolcri del Foscolo ai "trecento… giovani e…morti" del Settembrini, dal "Pianto antico" del Carducci per il figlioletto sepolto...
Continua a leggere
in Uncategorized 1620
    C’eravamo tanto odiati, tra italiani e iugoslavi sloveno-croati. I rapporti tra i due popoli nel secolo scorso erano stati avvelenati, da entrambe le parti, con vessazioni, persecuzioni, violenze, massacri di innocenti, politiche di “snazionalizzazione”, “bonifiche etniche”, deportazioni, esodi forzati in massa.     I picchi contrapposti della ferocia xenofoba erano stati toccati, rispettivamente, dal regime fascista di occupazione italiana della Slovenia tra il 1941 e il 1943, e dai partigiani comunisti iugoslavi con le stragi terroristiche delle foibe (e non solo) in Istria tra il 1943 e il 1947, che provocarono la fuga di 350mila italiani dai territori della Venezia...
Continua a leggere
in Uncategorized 1864
    Un giorno, a scuola, un mio alunno di prima media, "enfant terrible", annunciò che avrebbe cercato nel vocabolario di italiano le parolacce. Trovatane una, “divertentissima” (di quattro lettere, che cominciava per "c" e finiva per "o"), la mostrava ridacchiando ai vicini di banco. E poiché io gli tolsi di mano quel divertimento, proclamò con l’aria di chi, a 11 anni, la sa già lunga: “Tanto, io, di parolacce, ce n’ho pieno un quaderno”.     Riflettei che quel bambino diceva le parolacce per sentirsi "grande", alla stessa maniera di certi adulti rimasti bambini che cercano di darsi importanza ricorrendo al...
Continua a leggere
in Uncategorized 1722
Funzionò per 12 anni a Dachau, nei dintorni di Monaco di Baviera, il prototipo dei campi di lavoro e sterminio che i nazisti impiantarono nei territori occupati durante la Seconda guerra mondiale. Allestito nel marzo 1933, poco dopo l’ascesa al potere di Hitler - inizialmente per rinchiudervi cittadini tedeschi ostili al regime, ebrei, zingari, testimoni di Geova, omosessuali e “asociali” - fu scoperto per caso e liberato il 29 aprile 1945 da una colonna di soldati americani che aveva sbagliato strada, prima che i 32.335 deportati superstiti - quasi tutti stranieri - fossero eliminati. Qui si esercitarono, imparando il “mestiere” di...
Continua a leggere
in Uncategorized 2369
“Francamente…”, “sinceramente…”, “a dire il vero…”: chi usa espressioni di questo tipo, sembra voler interpretare la figura del bugiardo abituale ma “gentiluomo”, che ogni tanto fa lo sforzo di non mentire con suoi interlocutori e si premura di avvisarli.     Viviamo in un società spesso fuorviata da piccole e grandi bugie, da informazioni manipolate e distorte, da statistiche false, e persino da autentiche "bufale" (notizie  totalmente inventate), che ci vengono propinate attraverso i mass-media e i social-media, senza rispetto per la verità. “Che cos’è la verità?”, si domandano infatti i moderni Ponzio Pilato, teorizzatori e sostenitori della "post-verità".     La post-verità!...
Continua a leggere
in Uncategorized 1206
Ripropongo questo mio raccontino umoristico in cui si fa riferimento allo scomparso Tullio De Mauro, ministro della Pubblica istruzione, pubblicato il 10 febbraio 2001 nella rivista "La Tecnica della Scuola" e poi riportato nel mio libro "Ad cathedram - Spirito e materie" (Ed. La Tecnica della Scuola, 2004). * All’alba del 19 gennaio 2001, la maestra Amalia fu attratta da un titolo del Corriere della Sera che sintetizzava una straordinaria proposta del ministro della Pubblica istruzione De Mauro: “Insegniamo ai bimbi la lingua degli immigrati: almeno i rudimenti alle elementari, così alunni italiani e stranieri possono comunicare”. Si fece prestare il...
Continua a leggere
in Uncategorized 860
Il presepe, per i cristiani, è la rievocazione artistica del più grande avvenimento della storia: la nascita - a Betlemme, in Palestina, sotto il dominio romano dell’imperatore Augusto - di Gesù, “il Salvatore del mondo, Dio che si è fatto uomo ed è venuto ad abitare fra noi”. Ed è una rappresentazione simbolica che ripropone visivamente importanti valori morali dell’umanesimo cristiano: la sacralità della vita umana nascente, della maternità della donna e della famiglia fondata sul matrimonio; la pari dignità di figli di Dio delle persone umili, i pastori, chiamati per primi ad incontrare Gesù bambino e a ricevere il suo...
Continua a leggere
in Uncategorized 2774
Ahi, ahi! Ho trovato quattro errori di sintassi nel testo della legge di riforma costituzionale "Boschi Verdini",  pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016,  e che sarà sottoposto a referendum domenica prossima. Tre riguardano l'uso  sbagliato dell'indicativo al posto del congiuntivo dell'eventualità in proposizioni ipotetiche, e il quarto la discordanza di numero tra il soggetto singolare e il verbo al plurale. Ecco gli errori, che evidenzio in neretto, e le relative correzioni [in corsivo tra parentesi]: 1 - "Il Governo... non può ripristinare l'efficacia di norme di legge o di atti... che la Corte costituzionale ha [abbia] dichiarato illegittimi"...
Continua a leggere
in Uncategorized 1500
Ecco dieci buoni motivi per dire NO alla riforma costituzionale "Boschi Verdini": 1 - Perché non si cambiano 47 articoli della Costituzione di tutti gli italiani con una maggioranza parlamentare risicata, rappresentativa di una minoranza del corpo elettorale e formata in buona parte al Senato da transfughi dei partiti che si presentarono al voto degli elettori nel 2013. 2 - Perché l’attuale Parlamento di nominati, eletto con una legge maggioritaria dichiarata illegittima dalla Corte Costituzionale, non è politicamente e moralmente legittimato a riformare la Costituzione. 3 - Perché questa riforma è stata concepita, in accoppiata con la legge elettorale cosiddetta Italicum,...
Continua a leggere
in Uncategorized 2118
Bellissimo e commovente, il film tv "La classe degli asini", del regista Andrea Porporati, con Vanessa Incontrada e Flavio Insinna, trasmesso la sera del 14 novembre da Rai1, e che narra una storia vera. Vanessa interpreta Mirella Antonione Casale, insegnante e madre di una bimba con un grave deficit psicomotorio, che, nella seconda metà degli anni Sessanta, intraprese a Torino un'importante battaglia contro la discriminazione nella scuola dell'obbligo e per l’abolizione delle classi differenziali e di aggiornamento, le cosiddette "classi degli asini", come venivano anche chiamate a quei tempi. 
 Quelle classi furono abolite con la legge 4 agosto 1977, n....
Continua a leggere
in Uncategorized 13787
Mi appello alla speranza cristiana per vincere lo sconforto che ha preso anche me alla notizia dell'elezione di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti.  Quella  spes contra spem (speranza contro ogni circostanza avversa) di cui parla San Paolo, il persecutore di cristiani diventato apostolo di Cristo. Forse - voglio sperare - lo "stato di grazia" della carica indurrà il nuovo presidente a più miti consigli e ad atteggiamenti più responsabili, rispetto a certi propositi oltranzisti della campagna elettorale. Forse da quello che è temuto come un grande male per l'America e per il mondo può venire anche qualcosa di bene....
Continua a leggere
in Uncategorized 1445
   Dovrebbe lavorare giorno e notte il nuovo Senato previsto dalla riforma costituzionale "Boschi Verdini" per rispettare le scadenze strettissime assegnategli dal "bosco-verdino" articolo 70:  appena 10 giorni per chiedere di esaminare ogni singolo disegno di legge di competenza "non paritaria" approvato dalla Camera, e non più di 30 giorni per deliberare eventuali proposte di modifica, sulle quali poi sarebbe la Camera a pronunciarsi in modo definitivo.    Se questi tempi "ghigliottina" non venissero rispettati, il Senato decadrebbe dal diritto di mettere bocca (magari per eccepire sulla competenza paritaria), e comunque la Camera avrebbe la prerogativa di non conformarsi alle proposte dei...
Continua a leggere
in Uncategorized 1093
La "pubblicità ingannevole" è considerata per legge, in Italia, un illecito civile, sanzionabile dall'Antitrust con una grossa multa. Ma soltanto se viene applicata alle attività commerciali, industriali, artigianali o professionali. Non al campo della politica, nel quale è incivilmente lecito propagandare bugie, allo scopo di indurre in errore i cittadini quando vanno a votare.     E' quanto sta accadendo con il quesito tendenzioso (a favore del "sì") proposto per il referendum del prossimo 4 dicembre sulla legge di riforma costituzionale "Boschi Verdini", e che dice:     "Approvate il testo della legge costituzionale concernente 'disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la...
Continua a leggere
in Uncategorized 1779
Incontrai per la prima volta Aldo Moro il 7 dicembre 1959 a Roma, in un convegno nazionale sui problemi della scuola organizzato dal Movimento Studenti Medi della Democrazia Cristiana. Allora, quel leader politico, che era stato già "padre costituente" nel 1946-47 e poi ministro della Giustizia e della Pubblica Istruzione, aveva 43 anni. Quel giorno venne, in qualità di segretario della DC, a dialogare con un centinaio di ragazzi, rappresentanti come me di associazioni studentesche, in una sala del Palazzetto Venezia. Rimasi molto impressionato dalla sua personalità. In seguito, per la mia attività di giornalista, ho avuto numerose altre occasioni di...
Continua a leggere
in Uncategorized 1373
Romano, sposato, padre di due figli, nonno di due nipoti, giornalista e scrittore, curatore del giornale online Belsito con vista, già insegnante di lettere. E’ autore del libro "Ad cathedram - Spirito e materie", edito da La Tecnica della Scuola