NEWSLETTER   NOTIZIE DEL GIORNO ULTIMO

 

CARTA DOCENTE 980X40

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Archivio
    Archivio Contiene un elenco di blog che sono stati creati in precedenza.

Blog Nicola Bruni

Il mal di pancia cinese del ministro Tullio De Mauro

  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Stampa

Ripropongo questo mio raccontino umoristico in cui si fa riferimento allo scomparso Tullio De Mauro, ministro della Pubblica istruzione, pubblicato il 10 febbraio 2001 nella rivista "La Tecnica della Scuola" e poi riportato nel mio libro "Ad cathedram - Spirito e materie" (Ed. La Tecnica della Scuola, 2004).

*

All’alba del 19 gennaio 2001, la maestra Amalia fu attratta da un titolo del Corriere della Sera che sintetizzava una straordinaria proposta del ministro della Pubblica istruzione De Mauro: “Insegniamo ai bimbi la lingua degli immigrati: almeno i rudimenti alle elementari, così alunni italiani e stranieri possono comunicare”. Si fece prestare il giornale dal professor Gerardo, suo compagno di viaggio nel trenino dei pendolari, e lesse ad alta voce i seguenti particolari di cronaca: “Il ministro ha proposto alcune frasi essenziali che tutti i bambini dovrebbero rivolgere, in lingua originale, al compagno di banco filippino, cinese o maghrebino: Hai il mal di pancia? Buon giorno! Buona sera! Come stai?.

Affascinata da quella proposta, la maestra Amalia pensò di metterla subito in pratica nella Seconda C, che appunto attendeva l’arrivo di un bambino cinese come ventiseiesimo alunno della classe... senza alcun sostegno linguistico. Così, appena giunta nella scuola comprensiva, si fece prestare dal collega Gerardo un ragazzo di terza media con gli occhi a mandorla, perché insegnasse ai suoi bimbetti il frasario del ministro in lingua mandarina.

Il  “maestro” Liang fu bravissimo: in meno di un’ora riuscì a far cantilenare in coro l’intero repertorio ai 25 scolaretti, i quali peraltro si divertirono... un mondo: “Hai il mal di pancia? Ni tu ze ten ma? Buon giorno! Zao an!  Buona sera! Uan an! Come stai? Ni ze me ian?”.

L’indomani, quando Amalia presentò alla classe il nuovo compagnetto Deng, gli altri 25 compagnetti dapprima lo accolsero con un chiassoso applauso di benvenuto, e dopo gli domandarono all’unisono: “Ni tu ze ten ma?” (Hai il mal di pancia?). Allora il cinesino spalancò le mandorle degli occhi, traboccanti di meraviglia, si guardò intorno e, incoraggiato dalla maestra che gli ripeteva premurosamente quella strana domanda, rispose di no scuotendo la testa… proprio come in italiano. A quel punto, la classe scoppiò in una risata, e il piccolo straniero credette di capire che stessero facendogli uno scherzo. Si mise a ridere anche lui, poi puntò il dito verso la maestra e, scandendo bene le parole, rivolse a lei la stessa domanda: “Ni tu ze ten ma?” (Hai il mal di pancia?).

“Scé, scé” (Sì, sì), ribatté cordialmente Amalia parlando in cinese. Quindi aggiunse nella nostra lingua: “In questo periodo, noi insegnanti italiani abbiamo mooolti mal di pancia”.

in Uncategorized Visite: 1044
Romano, sposato, padre di due figli, nonno di due nipoti, giornalista e scrittore, curatore del giornale online Belsito con vista, già insegnante di lettere. E’ autore del libro "Ad cathedram - Spirito e materie", edito da La Tecnica della Scuola