NEWSLETTER   NOTIZIE DEL GIORNO ULTIMO

 

CARTA DOCENTE 980X40

Visualizza articoli per tag: Dati e statistiche

01/04/2014

Il tasso d'occupazione a febbraio è al 55,2%, il tasso minimo da primo trimestre del 2000, ovvero da 14 anni. Lo rileva l'Istat (dati provvisori). In altre parole in Italia risulta occupata poco più di una persona su due tra i 15 e i 64 anni

27/03/2014

Sopra i 40mila euro ci sono solo i dirigenti scolastici. Negli altri comparti la situazione è ben diversa. Un dirigente scolastico si occupa in media di almeno 125 dipendenti. In altri comparti si scende a 30-35 o addirittura a 12 come nella sanità

20/03/2014

In aumento solo i lettori del Nord-Est e gli ultrasessantenni. In calo sempre il Sud: dal 39% al 31% nel 2013

19/03/2014

Gli studenti che intraprendono un corso di primo livello universitario senza concluderlo sono tantissimi: quasi il 40%. Ma dal 2009 le risorse del Miur si sono ridotte di 1 mld

18/03/2014

Sono circa 800mila gli alunni stranieri in Italia e il loro numero cresce ogni anno. Notevole la dispersione, mentre gli esiti formativi si avvicinano ai colleghi italiani. Le anrticipazioni del rapporto Miur sugli alunni con cittadinanza non italiana, Cni

17/03/2014

Aumenta tra i più giovani il consumo di droghe e si abbassa in modo preoccupante l'età della prima assunzione di eroina che avviene intorno ai 14 anni, ancor prima della cannabis usata da uno studente su cinque quasi ogni giorno

10/03/2014

Si vogliono analizzare i contenuti di alcune riflessioni, riguardanti l’opportunità di seguire studi universitari umanistici o tecnici, scritte tre anni fa nel web

10/03/2014

Il corpo docente italiano è per l’81,1% composto da donne. Una percentuale altissima: in Europa solo un Paese, l’Ungheria, conta una presenza maggiore di sesso femminile dietro la cattedra: 82,5%

08/03/2014

Si torna a parlare di divario di genere: dal XVI Rapporto AlmaLaurea emerge che già ad un anno dalla laurea le differenze rispetto agli uomini, in termini occupazionali, risultano significative. E in presenza di figli la forbice si allarga, pure a livello stipendiale. Esemplare quanto accade nella scuola, dove hanno risultati scolastici migliori e abbandonano meno i banchi. All’università si laureano prima. Costituiscono l’81% del corpo docente (alla materna il 99,6%), ma entrano di ruolo e vanno in pensione sempre più tardi.