Politica scolastica

Si va verso il riconoscimento dei titoli conseguiti all’estero?

Forse la campagna elettorale in corso e forse pure la grande platea dei richiedenti, starebbero convincendo il governo a dare il via libera al riconoscimento in Italia dei titoli conseguiti all’estero per insegnare soprattutto nel sostegno. 

Certamente, in questo modo si toglierebbero pure i contenziosi tra l’amministrazione e i tanti che, pagando sia le agenzie di mediazione sia le università straniere che elargiscono i titoli, chiedono l’ingresso nelle graduatorie e dunque un posto di lavoro, scavalcando magari chi non può permettersi queste fughe e chi ha seguito le più dure e selettive regole dei corsi di specializzazione adottate in Italia. 

Il merito ancora una volta non paga, tranne che, come viene ventilato da Tuttoscuola, si stabilisse per costoro la frequenza di un corso di “qualificazione” idoneo a formare tali aspiranti prof esterofili; un corso compensativo insomma per qualificare meglio il titolo straniero. Si tratterebbe in pratica di sistemare circa 12mila situazioni in attesa di accertamento e autorizzazione.

E se avvenisse, che succederebbe? 

Innanzitutto, esamina Tuttoscuola, l’inserimento a pieno titolo nelle graduatorie provinciali per le supplenze (GPS) e la cancellazione dei numerosi contenziosi, mentre si andrebbero a riempire i posti ancora liberi o dati a supplenza nelle scuole del nord, in modo particolare,  ma  si aprirebbe nello stesso tempo la stura alla frequenza dei “titolifici” stranieri e in modo particolare di quelli cresciuti dalle parti  della Romania o della Bulgaria dove, senza colpo ferire (sembra con una sola settimana di presenza) ma pagando molto salato, spese di viaggio e soggiorno compreso, si acchiappa l’agognato titolo.

Un turismo formativo insomma che si aggiunge ad altri turismi di cui la Nazione è piena ma che dà lavoro alle agenzie ad hoc nate. Ma non certo alla qualità dell’insegnamento

Pasquale Almirante

Articoli recenti

Aumento stipendi dirigenti delle scuole complesse: vanno retribuiti meglio anche i relativi docenti? – Partecipa al SONDAGGIO

In queste ultime settimane si è parlato dello stipendio dei dirigenti scolastici che, sulla base…

13/07/2024

Circolare Valditara, una mamma: “A scuola bagni inagibili e noi genitori compriamo il materiale, ma il problema è il diario”

Come sappiamo il ministro dell'Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara qualche giorno fa ha firmato…

13/07/2024

Compiti per le vacanze, l’80% degli alunni e metà dei genitori s’oppone: ma se i prof li danno (e correggono) ci sarà un motivo?

È giusto che gli insegnanti assegnino i compiti per le vacanze estive? Se i genitori…

13/07/2024

Le norme sulla disabilità del decreto 71 sono un prodotto geneticamente modificato

Dal prof. Salvatore Nocera, noto esperto di disabilità e inclusione, riceviamo e pubblichiamo. Il Parlamento…

13/07/2024

La retorica vuota dei pedagogisti che danneggia la scuola

Ci sia permessa una osservazione sulle considerazioni del nostro gentile lettore.Per quanto attiene le critiche…

13/07/2024

Personale estero chiede modifiche Decreto scuola

Il coordinamento personale estero D.L. 71/24, in vista della votazione dell'Atto Camera 1902, nell'ambito del…

13/07/2024