Personale

Supplenti annuali, i tre giorni di permesso retribuito per motivi personali non devono essere riproporzionati se già fruiti con le regole del precedente CCNL

Tra le novità contenute nel CCNL 2019/21, una delle più importanti concerne il diritto anche al personale a tempo determinato alla fruizione di tre giorni di permesso retribuito (prima non lo era) per motivi personali e/o familiari.

Ma come si concilia la fruizione dei giorni con le regole del precedente contratto e le nuove disposizioni? In proposito, l’ARAN ha risposto con orientamento applicativo CIR121.

La domanda, in particolare, è questa: “Il personale a tempo determinato che ha già fruito dei permessi per motivi personali e/o familiari non retribuiti prima dell’entrata in vigore del nuovo contratto Istruzione e ricerca può fruire dei permessi per motivi personali e/o familiari retribuiti di cui all’art. dell’art. 35, comma 12, del CCNL Istruzione e ricerca del 18.01.2024? Se si, il diritto è riconosciuto per intero o le tre giornate si riproporzionano in considerazione del fatto che il CCNL è entrato in vigore il 19 gennaio 2024?“.

Permessi retribuiti per personale docente, educativo e ATA

L’ARAN ha chiarito che l’art. 35, comma 12 del CCNL Istruzione e ricerca del 18.01.2024 espressamente prevede il diritto del personale docente, educativo ed ATA assunto con contratto a tempo determinato per l’intero anno scolastico (31 agosto) o fino al termine delle attività didattiche (30 giugno), compresi gli insegnanti di religione, a fruire di tre giorni di permesso retribuito nell’anno scolastico, per motivi personali o familiari, documentati anche mediante autocertificazione.

Fruizione ad ore per gli ATA

Per il personale ATA tali permessi possono anche essere fruiti ad ore, con le modalità di cui all’art. 67 (permessi orari retribuiti per motivi personali o familiari) del medesimo CCNL.

Nessun riproprzionamento

Tale diritto si fonda su un nuovo istituto contrattuale, diverso da quello preesistente che disponeva la fruizione non retribuita dei giorni di permesso per motivi personali per il personale docente, educativo ed ATA assunto con contratto a tempo determinato.

Pertanto, dall’entrata in vigore del CCNL Istruzione e ricerca del 18.01.2024, al solo personale docente, educativo ed ATA con contratto a tempo determinato sino al termine delle lezioni o dell’anno scolastico, compreso l’insegnante di religione, sono riconosciuti i 3 giorni di permesso retribuito indipendentemente dal fatto che lo stesso abbia o meno fruito dei precedenti permessi non retribuiti, i quali continuano ad essere riconosciuti al restante personale a tempo determinato.

Lara La Gatta

Articoli recenti

Circolare Valditara, una mamma: “A scuola bagni inagibili e noi genitori compriamo il materiale, ma il problema è il diario”

Come sappiamo il ministro dell'Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara qualche giorno fa ha firmato…

13/07/2024

Compiti per le vacanze, l’80% degli alunni e metà dei genitori s’oppone: ma se i prof li danno (e correggono) ci sarà un motivo?

È giusto che gli insegnanti assegnino i compiti per le vacanze estive? Se i genitori…

13/07/2024

Le norme sulla disabilità del decreto 71 sono un prodotto geneticamente modificato

Dal prof. Salvatore Nocera, noto esperto di disabilità e inclusione, riceviamo e pubblichiamo. Il Parlamento…

13/07/2024

La retorica vuota dei pedagogisti che danneggia la scuola

Ci sia permessa una osservazione sulle considerazioni del nostro gentile lettore.Per quanto attiene le critiche…

13/07/2024

Personale estero chiede modifiche Decreto scuola

Il coordinamento personale estero D.L. 71/24, in vista della votazione dell'Atto Camera 1902, nell'ambito del…

13/07/2024

Cellulari proibiti? Ottima decisione del Ministro

In questi giorni il ministro Valditara ha dato comunicazione definitiva in merito ad una problematica…

13/07/2024