Personale

Dipendenti pubblici malpagati e senza carriera, il posto fisso non “tira” più: fa eccezione la scuola dove le assunzioni aumentano ma con tanti precari

La scuola rimane uno dei pochi settori del pubblico impiego dove c’è spazio per trovare un posto di lavoro: scorrendo i dati del dell’ultimo conto annuale del Pubblico impiego della Ragioneria generale dello Stato, si ravvisa infatti un sostanziale “declino del posto fisso”, con una riduzione negli ultimi anni di ben 40 mila dipendenti ministeriali. E nei Comuni va ancora peggio, considerando che, sempre secondo le indicazioni del Tesoro, la perdita è stata di oltre 60 mila addetti.

Il problema è anche che fare il lavoratore “statale”, a causa degli stipendi modesti e delle difficoltà a fare carriera, non sembra nemmeno più un’ambizione: sempre secondo la Ragioneria pubblica, sono molti i concorsi che risultato “disertati”. Anche se non mancano le eccezioni, come Inps e Fisco, dove le retribuzioni sono mediamente più alte. Certo, sono previste circa 170 mila assunzioni l’anno, ma poi a ben vedere copriranno a mala pena il turn over.

Fa eccezione, dicevamo, anche il settore dell’Istruzione, dove i concorsi continuano ad essere presi d’assalto e anche le graduatorie dei precari (basti pensare alle Gps, dove dopo l’ultimo aggiornamento erano iscritti quasi mezzo milione di supplenti) negli ultimi anni complessivamente il personale è passato da poco più di un milione a quasi 1,2 milioni di dipendenti.

“Il problema – ha commentato Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – è che circa un quarto delle assunzioni fatte nel settore scolastico continuano ad essere a tempo determinato: è questa la vera anomalia, non la quantità di contratti sottoscritti”.

Va anche detto che nella scuola i posti sono aumentati principalmente a causa dell’incremento degli alunni disabili, con conseguente incremento delle cattedre di sostegno. Le cattedre comuni, invece, sono rimaste sostanzialmente immutate: un obiettivo, tra l’altro, tutt’altro che scontato considerando che a seguito della riduzione del tasso demografico solo nell’ultimo lustro abbiamo assistito alla perdita di circa mezzo milione di alunni.

Se si considerano gli altri ministeri, vi sono anche altre indicazioni poco attese. Come la presenza di più impiegati al Nord che nel Meridione: al Sud, ad esempio, nei municipi lavorano 5,34 persone ogni mille abitanti, nel Settentrione sono 5,83.

Anche l’età media dei pubblici dipendenti fa pensare: i dati ufficiali dicono che si attesta attorno ai 50 anni d’età. Pensare che con la Legge Fornero che si sta imponendo in modo sempre più radicale, la politica del “largo ai giovani” appare sempre più una chimera.

Alessandro Giuliani

Articoli recenti

Dirigenti scolastici soprannumerari, ecco in quale caso si è perdenti posto causa di ristrutturazione e riorganizzazione della dirigenza

Fra qualche giorno, in tutti gli uffici scolastici regionali, si discuterà sulle procedure di conferimento…

17/06/2024

Maturità 2024, studenti si preparano all’orale con un professore virtuale: dal prossimo anno in tutte le scuole?

La maturità 2024 partirà il prossimo 19 giugno e in una scuola di Roma alcuni…

17/06/2024

Ricorso contro gli esiti della prova preselettiva del concorso ordinario per dirigenti scolastici

Com’è noto di recente sono state svolte le prove preselettive del Concorso ordinario per Dirigenti…

17/06/2024

Maturità 2024, Flavio Briatore, già bocciato dal padre-maestro, si diploma da privatista con una tesina molto particolare

Una delle personalità che fa sempre molto parlare di sé, stiamo parlando dell'imprenditore Flavio Briatore,…

17/06/2024

Estrazione lettera orale maturità oggi in riunione plenaria: il 96,4% dei maturandi è stato ammesso, i dati per regione

Come abbiamo scritto oggi, 17 giugno, è il giorno della riunione plenaria delle commissioni d'esame…

17/06/2024

Maturità 2024: commissari “in estinzione”, tra i sostituti docenti pensionati. Di Meglio (Gilda): “Compensi ridicoli”

Come abbiamo scritto oggi, 17 giugno, si svolge nelle varie scuole la riunione plenaria delle…

17/06/2024