I lettori ci scrivono

Docenti discriminati: le cattedre sottratte agli A-07 di Discipline Audiovisive

Negli ultimi anni nelle scuole sono nati indirizzi specifici di audiovisivo nei licei artistici, nei tecnici e nei professionali di nuovo ordinamento in cui si studiano i diversi mezzi di comunicazione e canali di fruizione, che vanno dal cinema, alla televisione, alla radio, ai social, al web, per finire allo spettacolo dal vivo, organizzazione di eventi e divulgazione culturale. Tutti ambiti di assoluta competenza dei docenti A-07- laureati in LM65/LS73, formatisi accademicamente in questi settori e in possesso di Laurea Magistrale in Scienze dello Spettacolo e della Produzione Multimediale.

Ma, nonostante ciò, la maggioranza di questi non è stata convocata (né da graduatorie di supplenza GPS né da quelle di merito del Concorso Ordinario; dato sconcertante, poiché hanno affrontato e superato ben tre prove difficilissime: una scritta, una pratica di sceneggiatura di otto ore e una orale).

Dall’analisi dell’offerta formativa scolastica risulta chiara ed evidente un’incongruenza: ai docenti di A-07 è preclusa la possibilità di lavorare nelle scuole perché i posti disponibili sono assegnati ad altre classi d’insegnamento. E, nonostante l’audiovisivo sia uno dei rami portanti della comunicazione nel mondo d’oggi, chi ha competenze e meriti per insegnare questa disciplina non può farlo. Inoltre, sul territorio nazionale vi è un alto numero di cattedre di audiovisivo assegnate a docenti che non possiedono un titolo accademico specifico.

Questo accade perché i dirigenti, in virtù dell’autonomia scolastica, possono scegliere le classi di concorso da attivare e attingono solo da quelle preesistenti. La A-07 è stata istituita con la riforma delle classi di concorso del 2017 (D.M. 259). Quindi, ad oggi, possono insegnare audiovisivo: ex 7/A (vecchio ordinamento) fino ad esaurimento delle graduatorie, A-61 e A-07.

Bisogna specificare che gli ex 7/A del vecchio ordinamento oggi appartengono alla classe di concorso di Grafica A-10 e quindi solo coloro che hanno acquisito il titolo fino al 1991 possono insegnare audiovisivo (Si veda la tabella A del D.M. 259/17). Nella realtà, purtroppo, i dirigenti chiamano tutti i docenti di Grafica, compresi i neo immessi che non hanno titolo e, quindi, diritto. Violano la legge perché non controllano i titoli ai fini dell’assunzione. Pertanto, sono necessari vigilanza e attento controllo da parte degli Istituti.

È necessario sottolineare la differenza, spesso non chiara, tra le discipline grafiche e le discipline audiovisive. La grafica (A-10) costituisce solo un aspetto del più ampio settore della comunicazione visiva. Entrambe, seppur apparentemente complementari, seguono i relativi codici e regole della comunicazione ma la modalità di creazione dei prodotti finali è per forza di cose diversa. Sarebbe come chiedere a un docente di Inglese di insegnare Russo.

L’altro problema riguarda la A-61 (Tecniche e Tecnologie Multimediali) il cui accesso è aperto a chi ha qualsiasi titolo di laurea “purché congiunto all’accertamento dei titoli professionali” come specificato in nota; cioè laureati in qualsiasi disciplina (matematica, lettere, lingue, chimica ecc). Inoltre, tale accertamento è effettuato da una commissione dell’ Ufficio Scolastico Regionale con criteri, tempi e variabili diverse in ogni Regione, rendendone l’accesso soggettivo e discrezionale.

Molti docenti che insegnano audiovisivo, non avendo le competenze nella didattica della disciplina (nè formazione specifica) creano un danno dal punto di vista formativo rispetto all’alfabetizzazione e  allo sviluppo di competenze tecnico progettuali, così si rischia che questo insegnamento venga svilito o che scompaia a danno delle future generazioni.  È fondamentale affidare tale insegnamento a chi ha le competenze teoriche e laboratoriali specifiche cioè NOI docenti di A-07.

Per quanto sopra esposto il Comitato docenti A-07 chiede:
una nota Ministeriale che chiarisca esattamente quali sono le differenze tra le due classi di insegnamento A-61 e A-07 (dato che entrambe insegnano le stesse materie ma con titoli di accesso differenti); l’accesso diretto ad A-61 con laurea LM-65 ed LS/73 (in possesso di curriculum studiorum adatti); l’eliminazione dell’accesso ad A-61 con “qualsiasi laurea” e della selezione basata SOLO sulle esperienze lavorative professionali, perché è come se si chiedesse ad un laureato in lettere di aver pubblicato dei libri per poter insegnare italiano. Si invitano gli uffici competenti e il personale amministrativo ad effettuare un attento controllo dei titoli accademici sia per l’immissione in ruolo che per l’assegnazione delle supplenze.

Il Comitato docenti A-07

I lettori ci scrivono

Articoli recenti

Maturità 2024, ‘Notte prima degli esami’ Perugia diventa un rito esorcizzante. Gli auguri di Meloni e Valditara a mezzo milione di studenti

È arrivata la notte prima degli esami. Sono tantissimi gli studenti, di quel mezzo milione…

19/06/2024

L’Uciim compie 80 anni, tutti spesi al servizio della scuola

Il 18 giugno 1944, a pochi giorni dallo sbarco in Normandia, a Roma per opera…

18/06/2024

Notte prima degli esami, Venditti la propone come traccia alla maturità: “Sarebbe interessante”

Il cantautore Antonello Venditti è l'autore della canzone "Notte prima degli esami", che da ben…

18/06/2024

Chi insegna deve credere più di ogni altro nel proprio lavoro. Libro collettaneo con esperienze sul campo, edito da Città Nuova

Può un bravo insegnante fare la differenza? Per molti versi, sì, come ha dimostrato, per…

18/06/2024

Valditara e maturità, gli ultimi consigli agli studenti: temi, esercizi e traduzioni fateli voi, non ChatGPT. Il voto vi servirà

Ha parlato anche di voto finale alla maturità e ChatGPT per prepararsi il ministro dell'Istruzione…

18/06/2024

Maturità, Cristiana Capotondi: “All’orale il prof mi disse: ‘nessuno si preoccuperà più di capire se hai capito’. Era vero”

L'attrice Cristiana Capotondi, protagonista del film cult "Notte prima degli esami", intervistata ai microfoni de…

18/06/2024