Mobilità

Docenti tutor e punteggio aggiuntivo per la mobilità, per la Uil Scuola si tratta di un annuncio di Valditara non realizzabile

Per la Uil Scuola Rua quello del Ministro sul punteggio aggiuntivo per i docenti tutor da assegnare nelle graduatorie interne di Istituto è solo un annuncio che di fatto non si è concretizzato in nessuna norma contrattuale. In buona sostanza si tratta di un annuncio del Ministro Valditara non realizzabile a livello contrattuale.

Circolari dirigenziali discutibili

A seguito di una presunta direttiva con la quale il Ministro Valditara avrebbe dato indicazioni ai dirigenti del Ministero di prevedere, in sede di contrattazione per la mobilità del personale docente per l’anno scolastico 2024/25, un punteggio aggiuntivo per chi ha svolto la funzione di tutor o orientatore, in alcune scuole, le circolari emanate dai dirigenti scolastici aventi come oggetto l’individuazione (entro il 31 maggio) delle figure del tutor e dell’orientatore, contengono espresso riferimento o la promessa dell’assegnazione di un punteggio aggiuntivo da utilizzare nella mobilità e nella graduatoria interna di istituto.

Quello del Ministro è solo un annuncio – precisa il segretario nazionale della Uil Scuola Rua, Paolo Pizzo – che di fatto non si è concretizzato in nessuna norma contrattuale e mai potrà concretizzarsi senza prima aver rispettato un passaggio obbligato con le organizzazioni sindacali.

Contratto mobilità e atto unilaterale

È utile, infatti, ricordare che la materia della mobilità è di natura negoziale ed un eventuale atto unilaterale – mette in chiaro Pizzo – contrario al rispetto delle relazioni sindacali, non solo sarebbe discriminante ma ci porrebbe su una posizione di contrasto tale da effettuare una verifica sulla legittimità normativa del provvedimento e, conseguentemente, anche in sede giudiziaria.

La discussione in merito, condivisibile o meno – continua Pizzo – deve essere comunque affrontata in sede di contrattazione (CCNI mobilità) alla pari delle altre criticità rimaste sospese ma ancora da risolvere, come ad esempio la questione legata ai vincoli.”.

Nessuna garanzia contrattuale

Al momento dell’accettazione dell’incarico, come tutor o come orientatore, non c’è alcuna garanzia che lo svolgimento di tale funzione avrà come risultato un punteggio aggiuntivo nell’anzianità di servizio.

Consigliamo di informare tutti i docenti interessati del corretto quadro di riferimento in atto – conclude Pizzo – e nei casi segnalati di diffidare i dirigenti scolastici ad emanare note o circolari in tal senso e, contestualmente, a segnalarcelo tempestivamente.

Lucio Ficara

Articoli recenti

Regno Unito sempre più irraggiungibile: il visto si ottiene solo se si ha un reddito minimo di almeno 45.000 euro

A 3 anni dalla Brexit – in vigore da gennaio del 2021 – si allontana…

21/04/2024

CSPI elezioni 2024: composizione, diritti e compiti

Il 7 maggio 2024, su disposizione del Ministro dell’Istruzione e del Merito, il personale scolastico…

21/04/2024

Germania, flop dell’istruzione pubblica: i test intermedi sono un disastro

La crsisi che attanaglia sempre più da vicino il settore scolastico europeo è riscontrabile in…

21/04/2024

Precariato nella scuola: iniziativa Flc-Cgil, proposte per contrastare il fenomeno

Quella della precarietà è una delle questioni centrali del nostro sistema scolastico.Anche quest’anno i docenti…

21/04/2024

Concorso ordinario Dirigenti Scolastici, ulteriore richiesta di pagamento del contributo di 15 euro rilevato su Pago in rete

Il decreto 2788 del 18 dicembre 2023 nel bandire il Concorso per titoli ed esami…

21/04/2024

Scuola Futura, formazione docenti sul digitale entro dicembre 2024: quali corsi proporre per il proprio personale?

Il decreto ministeriale n. 66 del 2023 ha destinato 450 milioni di euro a favore…

21/04/2024