Attualità

Il ponte sullo Stretto non s’ha da fare, tanti docenti contrari: sperpero di denaro pubblico in opere inutili mentre la Scuola soffre

Il ponte sullo Stretto di Messina non s’ha da fare: il progetto sul quale si sta impegnando il Governo viene ripudiato da centinaia di insegnanti delle due sponde, calabrese e siciliana, perché reputano l’ingente investimento uno “sperpero di denaro pubblico in opere inutili e dannose“. Per gli insegnanti, quindi, l’accelerata viabilità tra la Calabria e la Sicilia non comporterebbe vantaggi oggettivi, né a livello di cittadinanza né di tipo commerciale-economico.

“Noi che viviamo giorno dopo giorno i disagi del fare formazione in spazi inadeguati, con risorse insufficienti e infrastrutture drammaticamente carenti, non possiamo accettare passivamente che si scelga” di buttare tanti soldi pubblici in questo modo, scrivono i docenti in una nota ripresa dalle agenzie di stampa.

Gli insegnanti, di tutti i corsi di studio, di vari gradi scolastici a partire dall’Infanzia, ma anche professori universitari, hanno inviato quindi un appello per la salvaguardia dell’attuale territorio, definendo “devastante” il progetto “del ponte sullo Stretto”.

“Abbiamo scelto di esporci in quanto docenti – sostengono – e non solo in quanto semplici cittadini, perché abbiamo constatato la contraddizione tra ciò che cerchiamo di insegnare quotidianamente e il silenzio assordante – quando non addirittura asservito – dei luoghi dell’istruzione e della cultura rispetto ad una questione così impattante sulle nostre esistenze”.

I docenti non vogliono sentirsi “complici del furto di presente e di futuro perpetrato ai danni delle giovani generazioni. La massiccia adesione che l’appello ha ricevuto in soli tre giorni ci rafforza nella consapevolezza di quanto bisogno ci sia di tenere acceso il dibattito, di far sentire la nostra voce e di mobilitare ogni risorsa possibile per contrastare quest’opera scellerata”.

Alessandro Giuliani

Articoli recenti

Gli studenti occupano le scuole senza fare più danni, Valditara si prende i meriti: grazie alla mia linea del “chi rompe paga”

La linea della fermezza, del “chi rompe paga”, già dopo pochi mesi sta producendo i…

27/05/2024

Terza fascia Ata, le domande si possono compilare dal 28 maggio al 28 giugno. Se non si aggiorna, si viene esclusi per tutto il triennio

Attenzione all'aggiornamento della terza fascia ATA, graduatorie di circolo e Istituto, chi era già inserito…

27/05/2024

Riforma valutazione alunni: ancora uno stop in Commissione; le nuove regole varranno dal 2025/26

Continua ad allontanarsi ancora l'approvazione della "riforma Valditara" sulla valutazione degli studenti. Alle ore 12…

27/05/2024

Progetto “Frutta e verdura” scuola, ma con fragole ammuffite

Dopo i pomodori che hanno intossicato decine di bambini compresi alcuni docenti in una mensa…

27/05/2024

Alunni stranieri per contrastare il calo demografico, ma con una chiara strategia: il punto di vista del pedagogista Novara

L 'aumento della presenza di alunni di nazionalità non italiana nelle scuole del nostro paese…

27/05/2024

Continuità insegnante di sostegno, Di Meglio (Gilda): “va contemperato con le norme costituzionali”

Durante il Consiglio dei Ministri del 24 maggio scorso, il Ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara ha…

27/05/2024