I lettori ci scrivono

La principale domanda degli adolescenti: “Cosa farò da grande”?

Chiara Bidoli, editorialista, sull’inserto Corriere Salute, della nota testata giornalistica Corriere della Sera del 19 maggio 2024, scrive riferendosi alla mente degli adolescenti: ”Il loro cervello è una lente di ingrandimento sul mondo, particolarmente sensibile a cogliere gli stimoli dall’esterno e a vivere nuove esperienze, in un equilibrio precario tra potenzialità ancora inespresse e fragilità”.

Trovo le parole della giornalista davvero significative e colme di ciò che veramente rappresenta poter immaginare, anche per un solo momento, di vivere nella mente complessa, travagliata ma meravigliosamente viva di un adolescente. Ragazzi tra i 14 e i 20 anni alle prese con una domanda ben presente e talvolta pressante nei loro pensieri: ”Cosa farò da grande?”, oppure, specialmente tra i 13 e i 14 anni: “Quale scuola superiore preferire?”. Scegliere e riflettere su a cosa voler diventare, credere nel futuro pensando a se stessi in una o l’altra direzione, non è assolutamente semplice.

Non va però dimenticato o tralasciato il fatto che per poter fare qualcosa da grandi, innanzitutto, soprattutto nella fase adolescenziale, occorre formarsi come persona, accrescere la propria e unica personalità, comprendere se stessi e capirsi, sviluppando i propri interessi e le proprie “potenzialità inespresse”, come cita appunto Chiara Bidoli.

Una scuola che non serve solo per far trovare lavoro…

Un altro giornalista, editorialista del Corriere della Sera, scrittore, nonché conduttore televisivo, Massimo Gramellini, afferma a proposito di formazione personale e crescita interiore, riferendosi sempre ai ragazzi in fase adolescenziale, a chi deve passare dalle scuole secondarie di primo grado a quelle di secondo grado: “Qualcuno ti dirà che la scuola serve solo a trovarti un lavoro… Non credergli. La scuola serve a fornirti gli strumenti per gestire un sentimento, a smascherare un ciarlatano e ammirare un tramonto, non solo le vetrine”.

Parole semplici, ma profonde e utili a offrire motivazioni e stimoli diversi da quanto al giorno d’oggi molto spesso viene proposto ai nostri giovani adolescenti. Una scuola, dunque, che non per forza debba convogliare solo un sapere pratico e tecnico, ma si può credere in una scuola che sappia dare una a forma mentis per la vita, che miri ad una costruzione di identità per fornire poi un’ampia scelta di orizzonti su cui puntare.

Roberta Favorito

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook

I lettori ci scrivono

Articoli recenti

Autonomia differenziata con 20 scuole diverse, l’Italia si spacca? Al via raccolta firme pro referendum: strada lunga ma Conte e i sindacati ci credono

A un mese esatto dalla approvazione della Legge 86/24 sull’autonomia differenziata, il Governo, capitanato del…

19/07/2024

Campania: abolito l’obbligo del certificato medico per il rientro scuola dopo cinque giorni di malattia

Il Consiglio regionale della Campania ha eliminato l'obbligo del certificato medico per il rientro a…

19/07/2024

Tfa Sostegno, troppi posti vuoti per infanzia e primaria: la denuncia dell’università di Genova

Un problema crescente nella scuola dell’infanzia e primaria in Liguria: ci sono più posti disponibili…

19/07/2024

Abusi sessuali su minorenni online e in presenza: docente di religione condannato 12 anni

Un'ex professore di religione, ex diacono ed ex dipendente dell'Istituto per il sostentamento del clero,…

19/07/2024

Ingresso gratuito per docenti: Casa delle farfalle, Planetario e altri luoghi dell’Etna. Ecco come richiedere la teacher card

Sei un docente appassionato di natura, scienza e innovazione? Desideri offrire ai tuoi studenti esperienze didattiche uniche…

19/07/2024

Provincia di Trento, selezione di docenti per insegnare in Tirolo: candidature entro il 22 luglio 2024

La Provincia autonoma di Trento ha pubblicato un avviso di selezione di insegnanti da assegnare…

19/07/2024