Home Personale Mobilità 2018, le decisioni sulle controversie spetta al giudice ordinario

Mobilità 2018, le decisioni sulle controversie spetta al giudice ordinario

CONDIVIDI

Interessante sentenza della Corte di Cassazione con l’ordinanza n.8821/2018, depositata giovedì scorso. Così come segnala Il Sole 24 Ore, le decisioni sulle controversie relative alla mobilità del personale scolastico spettano al giudice ordinario.

Il procedimento di mobilità è di natura privata e non suscettibile di essere ascritto alla categoria delle procedure concorsuali.

All’origine del caso c’è la vicenda di alcune docenti pugliesi che erano state assegnate a scuole del Nord Italia nell’ambito della procedura di mobilità disposta dal Miur in attuazione della legge 107/2015 e del CCNL relativo alla mobilità del personale per l’anno scolastico 2016/2017.

In mezzo alla notizia

Le docenti lamentavano il fatto che i luoghi di assegnazione fossero “distanti centinaia di chilometri dal luogo di residenza familiare e non prioritariamente indicati tra le preferenze espresse nella domanda di mobilità”.

Impugnavano al Tar del Lazio l’ordinanza del Miur 241/2016, che dettava i criteri per l’assegnazione dei posti nell’ambito della procedura di mobilità.

Per le docenti tale ordinanza era lesiva. I giudici amministrativi ritenevano però inammissibili i ricorsi per carenza di giurisdizione, in quanto la competenza a decidere toccava al giudice ordinario.

I giudici di legittimità non condividono la tesi delle docenti e confermano così la giurisdizione del giudice ordinario, in quanto la controversia verte sulla fase esecutiva del rapporto di lavoro alle dipendenze della Pubblica amministrazione.

Le Sezioni unite – segnala ancora l’approfondimento de Il Sole 24 Ore – anche che le disposizioni del Testo Unico in materia di Istruzione (Dlgs 297/1994) che regolano sia la mobilità “territoriale” che quella “professionale” demandano a specifici accordi con le organizzazioni sindacali per la definizione dei tempi e delle modalità delle procedure, sottraendo dunque tale materia dalla sfera dei poteri autoritativi della Pubblica amministrazione

CONDIVIDI