Home Concorsi 16 a rischio processo per il concorso a preside in Campania

16 a rischio processo per il concorso a preside in Campania

CONDIVIDI

Sarebbero in 16 a rischiare il processo con le accuse, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata all’abuso d’ufficio e al falso. Coinvolti, scrive Il Mattino, provveditorato, sindacati e componenti, tutti  tra Napoli, Caserta e Benevento e che avrebbero agito in modo da favorire l’ingresso in graduatoria di alcuni insegnanti considerati «amici», così da permettergli di scavalcare candidati più meritevoli. Alla chiusura della indagini, un’altra squallida vicenda, se confermata, legata ai concorsi e in modo particolare di quello a preside3 svolto nel 2011.  

In ballo, infatti, c’erano i 224 posti vacanti nella sola regione Campania, con 2386 candidati in corsa, equivalenti anche un miglioramento di stipendio e di posizione contributiva. Secondo il sostituto procuratore di Napoli, che ha coordinato le indagini condotte dai finanzieri del gruppo di Torre Annunziata, durante gli esami orali per accedere alle graduatorie per i ruoli di dirigenti scolastici in Campania si sarebbero verificate alcune irregolarità per favorire almeno quattro candidati. Un vero e proprio condizionamento, stando alle ricostruzioni degli inquirenti, che ruotava attorno a figure chiave del Provveditorato. Il concorso, bandito dal Ministero dell’Istruzione, prevedeva le prove scritte che si sono tenute regolarmente a Roma nel dicembre del 2011.

Icotea

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

Gli esami orali, poi, si sono conclusi a Napoli solo a febbraio 2014, tra mille difficoltà. Nel frattempo, però, le fiamme gialle stavano già indagando sui diplomifici del Vesuviano: da quel filone investigativo, l’attenzione si è spostata sul concorsone, i cui risultati furono immediatamente congelati in attesa della chiusura delle indagini. Nel mirino finirono sia le correzioni di alcune prove scritte, che gli stessi esami orali. Inizialmente nel registro degli indagati finirono 23 persone, numero poi sceso a 16.

L’8 marzo, l’ufficio di Procura ha dichiarato chiuse le attività investigative, e nel frattempo i finanzieri hanno notificato l’avviso di chiusura indagini a tutti gli indagati. Ora, i 16 avranno la possibilità di presentare memorie difensive e chiedere di essere ascoltati, prima che la pm presenti la formale richiesta di rinvio a giudizio