Home Archivio storico 1998-2013 Generico “Alfabetiche Ispirazioni”: la comunicazione si esalta con gli acrostici

“Alfabetiche Ispirazioni”: la comunicazione si esalta con gli acrostici

CONDIVIDI
  • Credion
Le parole possono essere usate per i motivi più svariati: c’è chi le usa solo per comunicare l’essenziale, chi il superfluo o chi invece per conquistare la libertà, abbattere l’ignoranza e i confini culturali. O più semplicemente per inneggiare all’amore e all’amicizia. Sono queste le forme della comunicazione, quelle più nobili, che il 13 maggio hanno contrassegnato presso la Fiera del Libro di Torino la cerimonia di assegnazione del 3° Premio di Scrittura Zanichelli. 
La manifestazione, chiamata “Alfabetiche Ispirazioni” si è svolta davanti a studenti, insegnanti e amanti della lingua italiana, ed è stata caratterizzata dalla scelta dei 6 acrostici più creativi sui 10.000 inviati dagli studenti delle scuole medie e superiori.
“Acrostico – hanno spiegato i promotori del premio – è un gioco linguistico che consiste in un componimento le cui lettere iniziali di ogni verso, prese insieme, esprimono un nome, una frase o una sentenza: dunque ogni elaborato doveva essere scritto in modo che le iniziali di ogni capoverso formassero la parola Alfabeto”. 
E gli studenti italiani hanno gradito la proposta: sono infatti pervenuti 8.000 tra poesie, racconti, saggi, canzoni filastrocche in italiano e altri 2.500 in inglese (in questo caso l’acrostico consisteva nel comporre la parola “Alphabet”). 
Gli autori dei migliori elaborati hanno proposto un’iniziativa a sfondo sociale: 6 pacchi dono di opere Zanichelli da inviare a loro nome ad altrettante associazioni Onlus e Ong che si occupano di giovani.
“Le lettere dell’alfabeto – ha detto la scrittrice e conduttrice Alessandra Casella, presentatrice della cerimonia – sono un’arma importante con cui creare parole e attraverso le parole dare senso ai pensieri”. La forma d’acrostico è antichissima: nel corso dei secoli tanti grandi scrittori si sono cimentati in questo gioco linguistico, tra cui Boccaccio, George Sand, Edgard Allan Poe, Lewis Carroll, sino al contemporaneo Edoardo Sanguineti. L’iniziativa è stata valorizzata dalla presenza di Marco Lodoli, scrittore di romanzi come Snack Bar Budapest, ma anche insegnante di Italiano in una scuola della periferia di Roma e testimone diretto delle difficoltà del mondo scolastico: 
“Lo scoglio più difficile è la comunicazione. Ma questa non può avvenire se ci esprimiamo solo con 50 parole. 
Non vale più il detto “Parla come mangi” perché se il nostro vocabolario è povero, infatti, è povero il nostro pensiero, e povera la nostra vita”. Non è stato facile scegliere i vincitori per la Commissione giudicante, presieduta da Milo Dogliotti, uno dei curatori dello storico vocabolario della Lingua Italiana Zingarelli, tra i tanti partecipanti. 
La scelta è stata fatta in base: “all’approccio agevole alla scrittura, ai temi, alla sinergia con gli insegnanti e all’originalità”.
 
Un esempio di acrostico:
 
All’inizio non sapevo cosa scrivere.
L’idea proprio non voleva venir fuori.
                                                           Fiducioso continuai a pensare….
 
e continuano su questa falsariga in cui l’assenza di idee diventa idea, il vuoto diventa soggetto, l’indecisione storia. Finchè all’ultimo capoverso l’’ingenuo” autore realizza il suo operato ed esclama: 
 
Oh, ho già finito l’acrostico…
Fine dell’elaborato.
 
 
TERZO PREMIO DI SCRITTURA ZANICHELLI 2006/2007
ALFABETICHE ISPIRAZIONI – Alphabetical inspirations
 
I PREMIATI
 
PRIMI PREMI – ITALIANO
 
Alina Donnarumma e Giusy Relmi
ALFABETO
Classe II B – Scuola Secondaria di I grado “R. Masi” – Atripalda Av
Prof.ssa Angela Di Gisi
 
Chiara Penco
ALFABETIZZATI E NON ANALFABETI
Classe II C – Scuola Media Istituto Comprensivo “G. Pallavicini” – Roma
Prof.ssa Franca Della Mea
 
Martina Laurella
RIVOLUZIONE!
Classe V AS – Scuola Europa Unita Corso Socio Psico Pedagogico – Chivasso To
Prof.ssa Lucia Pinton
Federica Catena
LO SCIOPERO DELLE PAROLE
Classe I B – Istituto Comprensivo “F. Gonin” – Giaveno To
Prof. Bartolomeo Vanzetti
 
Jalil Marjia Akthar
RIFLESSIONI
Classe III E – Scuola media statale “P.R. Giuliani” – Dolo Ve
Prof.ssa Isabella Amato
 
 
PRIMI PREMI – INGLESE
 
Alessandra Bettiol
PLAYING WITH LETTERS
Classe III – Liceo Linguistico statale “A. Veronese” – Montebelluna Tv
Prof.ssa Laura Massarotto
 
Diletta Motta
THIRTEEN WORDS TO SAY… THE END!
Classe III A – Istituto Comprensivo Statale “E. Fermi” – Villasanta Mi
Prof.ssa Concetta La Rocca
 

 
 
 
MENZIONI SPECIALI – ITALIANO
 
Valentina Zuccone Perallo
IL GIOCO DELLA VITA
Classe III G – Istituto Istruzione superiore “Edoardo Amaldi” – Orbassano To
Prof.ssa Carla Montersino
 
 
 
 
 
 
 
Claudio Ghiberto
LIBERTÀ
Classe III L – Istituto Istruzione superiore “Edoardo Amaldi” – Orbassano To
Prof.ssa Carla Montersino
 
 
Francesca Marchesi e Stefano Landoni
IL SIGNOR ALFABETO
Classe II C – Scuola Media Statale “Saverio Griffini” – Casalpusterlengo Lo
Prof.ssa Antonella Curioni
 
 
Paolo Peviani e Matteo Tedeschi
L’AVVENTURA DI ALPHABET
Classe II C – Scuola Media Statale “Saverio Griffini” – Casalpusterlengo Lo
Prof.ssa Antonella Curioni
 
 
Alessio Notari
BULLISMO PER ME
Classe I M – IPSSAR “G. Colombatto” – Torino
Prof.ssa Giuseppina Avedano
 
 
MENZIONI SPECIALI – INGLESE
 
Giacomo Assirati
A LETTER FROM BEYOND
Classe V B – Liceo Scientifico “M. Allegretti” – Vignola Mo
Prof.ssa Lorella Girotti
 


 
 
 
ITALIANO – SEGNALAZIONI
 
Giacomo Marchese
ESTATE
Classe I C – Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Dante Alighieri” – Partanna Tp
Prof.ssa Ninì Mangiaracina
 
 
 
Davide Facile
OFFRESI MARITO
Classe III M – Scuola Media “Madre Cabrini” – Torino
Prof.ssa Paola Pastore
 
 
Cristina Orlandi
FILASTROCCHE, CANZONCINE E NINNE NANNE
Classe I A – Liceo Scientifico Statale “F. Masci” – Chieti
Prof.ssa Marinella Vergilj
 
Lavoro di gruppo terze classi
DOMINA LINGUA
Ist. Comprensivo di Barzanò – Barzanò Lc
Prof.ssa Barbara Mauri
 
 
INGLESE – SEGNALAZIONI
 
Susanna Grita
ZANICHELLI’S COMPETITION
Classe II – Istituto Pontificio Sant’Apollinare – Roma
Prof.ssa Eleonora D’Ambrosi