Home Università e Afam All’università di Torino il più alto numero di studenti con difficoltà di...

All’università di Torino il più alto numero di studenti con difficoltà di apprendimento

CONDIVIDI
webaccademia 2020

All’università di Torino in quest’ultimo  anno accademico l’incremento del budget destinato alle attività di sostegno a studenti e studentesse è stata del 57%, passando da 412 a 648 mila euro, di cui circa 448 mila finanziati dal Ministero e 200.000 derivanti da stanziamenti di ateneo. 

L’incremento – scrive La Stampa- è dovuto anche ad un sempre maggior numero di studenti con disabilità o disturbi specifici d’apprendimento, proprio perché in Italia ha più iscritti di questo tipo: 1.993 quelli con Dsa (+25% rispetto all’anno passato) e 897 quelli con disabilità (+1%). 

Tuttavia, precisa il rettorato, ciò dimostra che questi studenti si sentono bene accolti; infatti all’incremento numerico si affiancano nuovi strumenti a disposizione di iscritti e corpo docente per migliorare l’offerta formativa: si tratta di linee guida aggiornate di supporto ai docenti per misurarsi nella didattica e un nuovo tipo di fare formazione “peer to peer”,  per studenti e studentesse volontari che, diventando tutor, aiutano i compagni e le compagne nel loro percorso.

ICOTEA_19_dentro articolo

Quello del tutoraggio è un progetto rivolto a coloro che partecipano alla selezione per essere tutor alla pari, è fruibile online, accessibile, e propone materiali di vario tipo. Una formazione obbligatoria che deve essere svolta individualmente prima dell’inizio dell’attività di tutorato, vale 5 ore di servizio e prevede un’autovalutazione. 

Preparazione concorso ordinario inglese