Home Alunni Alternanza scuola-lavoro: troppi limiti

Alternanza scuola-lavoro: troppi limiti

CONDIVIDI

L’utilità dell’alternanza scuola-lavoro è una certezza, a detta degli operatori della ristorazione e turismo, dei docenti, presidi d’istituto e delle istituzioni, riuniti i in un convegno promosso dalla Confcommercio e dalla Fipe, Federazione Italiana Pubblici Esercizi a Roma.

 

{loadposition carta-docente}

Icotea

 

Ma se questo nuovo metodo formativo è in crescita, con l’obiettivo dichiarato dal Miur di coinvolgere quest’anno 1,5 milioni di studenti, sembrano ancora molti i limiti per l’inserimento nei pubblici esercizi dei minorenni. Infatti i minori non possono usare macchinari e coltelli, servire alcolici, e lavorare dopo le ore 22.

Europei a metà dicono gli addetti: non abbiamo le stesse regole della Francia, dove lo stage dura tre mesi mentre nelle Marche il limite massimo è due settimane, altrimenti viene considerato sfruttamento, mentre nel 2016 le aziende del settore hanno avuto difficoltà a reperire cuochi, camerieri e baristi. I motivi: carenza di candidati (31,5%) e soprattutto inadeguate competenze professionali.