Home I lettori ci scrivono Appello ai 200mila abilitati: non partecipate al concorso!

Appello ai 200mila abilitati: non partecipate al concorso!

CONDIVIDI
  • Credion

Non partecipate!… Innanzitutto il posto vi spetta di diritto… poi, secondo me i posti a scuola non ve li tocca nessuno, siccome il concorso farlocco è solo per voi abilitati, nessun altro può partecipare, quindi i posti se NESSUNO di voi partecipa non potranno essere assegnati ai vincitori, visto che non ci sono partecipanti… ne segue che voi avrete quei posti anche il prossimo anno… salvo nuovi interventi legislativi del governo alla buona!

Aggiungo che nel settembre del 2016 saranno assunti solo eventualmente 23000, giacché i posti devono essere distribuiti nel triennio 2016/17/18, ma la cosa più vergognosa è che sarete tutti inseriti in una graduatoria di 3 anni, con il prossimo concorso e la pubblicazione delle graduatorie successive, la vostra perderà di efficacia, quindi se il concorso fregatura è quello dello Stato Italiano, allora sento già “profumo” di truffa… 

Icotea

Aggiungete il mancato rispetto della procedura amministrativa, concorso entro 1 dicembre 2015 dice la 107!… termine non rispettato!…

Il Miur autorizzato (Decreto del 24 dicembre 2015) a bandire i seguenti posti 52828 posti comuni, 5766 posti sostegno, e 5118 posti “potenziatori”, svaniti nel nulla i posti del potenziamento.

Lo credo era impossibile avere contenuti disciplinari da dover studiare! Pensate si potevano fare domande del tipo: (comma 7, della 107):

m) valorizzazione della scuola intesa come comunita’ attiva, aperta al territorio e in grado di sviluppare e aumentare l’interazione con le famiglie e con la comunita’ locale, comprese le organizzazioni del terzo settore e le imprese;

n) apertura pomeridiana delle scuole e riduzione del numero di alunni e di studenti per classe o per articolazioni di gruppi di classi, anche con potenziamento del tempo scolastico o  rimodulazione del monte orario rispetto a quanto indicato dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. 89;

s) definizione di un sistema di orientamento.

Chissà quali Università insegnano questi contenuti disciplinari? O a quali classi di concorso bisognava essere abilitati per partecipare al mancato concorso dei potenziatori? E chissà quali crediti formativi bisognava avere?

Quindi cancellati i 5118 posti del potenziamento e sicuramente, a caso, sono stati distribuiti tra comuni e sostegno… chissà quale super algoritmo avrà usato il Miur?…

Per non parlare del decreto sulle classi di concorso… anche quello un altro raggiro pieno di errori o refusi leggendo le varie lettere che sono pubblicate sui vari siti specializzati…

Infine le prove che vi attendono al limite dell’impossibile, alcuni lamentano di insegnamenti con argomenti generici

Quelli di francese dovranno anche conoscere la tabella di equivalenza dei caratteri (testiera italiana) per la lingua francese, ad esempio: noe:l (visto che manca la e con i due puti sopra);

Ho letto i contenti per diritto, ma senza la Costituzione, i vari codici: navigazione, civile, ecc.. è impossibile sostenere l’esame

E poi quando un insegnante fa lezione, utilizza degli strumenti, il libro, documenti su internet, diapositive, dispense, mappe concettuali, prepara un’esercitazione o la risoluzione di un caso a casa, mica l’improvvisa in classe in quel momento!

Per non parlare di chi vuole farne due concorsi. Ma secondo me, non è possibile!

Quand’ero all’università La Sapienza di Roma in un anno al massimo sono riuscito a sostenere 5 esami (si non ero mica un secchione… mi piaceva divertirmi), ma in meno di due mesi non si può preparare questo concorso! Per non contare della contraddittoria, e sempre meno applicata legislazione scolastica!…

Si qualcuno di voi a già inviato la domanda di partecipazione… ma siete ancora in tempo di fare un gruppo sui social e decidere all’unanimità di non presentarvi, di non comparire il giorno delle prima prova scritta. Io credo che sia l’unico modo per prendervi ciò che già è un vostro diritto!