Home I lettori ci scrivono Appello per l’organico di docenti per il tempo pieno delle scuole primarie

Appello per l’organico di docenti per il tempo pieno delle scuole primarie

CONDIVIDI

Il modello di scuola a Tempo pieno ha una lunga storia. Nasce negli anni Sessanta (a Bologna per l’impegno di Bruno Ciari) non solo per garantire più scuola alle bambine e ai bambini ed essere di aiuto alle madri e ai padri, ma anche per diventare laboratorio di didattica dai tempi distesi: due insegnanti ogni classe con 4 ore di compresenza per attività di gruppo, uscite sul territorio, lavori a classi aperte, didattica sperimentale.

Da oltre trent’anni la crescita delle sezioni di tempo pieno è però stata bloccata dai governanti, interessati più al risparmio che a garantire la qualità della scuola e a dare risposte alle richieste dei genitori e delle insegnanti.

Icotea

Dal 2008 poi la stessa definizione Tempo Pieno è stata cancellata, il modello è stato considerato una semplice estensione del tempo scuola e abbiamo vissuto il tentativo di trasformare le “compresenze” in ore a disposizione per un utilizzo in qualsivoglia sezione della scuola e spesso da usare per coprire la mancata chiamata dei supplenti.

Le politiche governative di tagli degli organici non hanno tuttavia cancellato i bisogni per i quali era nato il tempo pieno. Lo dimostrano le richieste e le preferenze di tempo orario espresse dalle famiglie nel nostro quartiere al momento dell’iscrizione.

Così, nel nostro istituto, per offrire un orario di 40 ore si è dovuto, in alcuni casi, ricorrere perfino a ore di doposcuola a pagamento, appaltate ad esterni.

In generale, per dare risposte alle esigenze di un tempo scuola lungo, è stato necessario far nascere tante classi a 40 ore con un numero di insegnanti insufficiente, senza poter garantire un funzionamento stabile delle classi e senza ore di compresenza, necessarie a una didattica ottimale.

L’attuale organizzazione ci obbliga a saltellare da una classe all’altra, sacrificando il rapporto con i bambini. Ci rende quasi impossibili le uscite nel territorio per visitare i musei, andare a teatro, conoscere la natura e la città, realizzare esperienze di didattica all’aperto. Ci priva della possibilità di organizzare serenamente i lavori per gruppi, rende difficile fare esperienze laboratoriali e dedicare attenzioni a di chi è più fragile.

La frammentazione degli insegnanti va a detrimento dell’unità del team docente perché è quasi impossibile riuscire a confrontarsi tutti insieme, ad esempio nelle programmazioni. Questa organizzazione richiude la scuola su se stessa in un continuo affanno, fa entrare nella scuola la precarietà e la frammentazione della società.

Per uscire da questa situazione è indispensabile che le istituzioni assegnino l’organico mancante di insegnanti. Nel nostro istituto comprensivo a fronte di 31 classi funzionanti a 40 ore, l’organico è sufficiente solo a coprirne 15. I fondi “next generation” che giungono dall’Europa devono servire a questo, nella nostra come nelle altre scuole italiane.

Nello specifico chiediamo un incontro – a distanza – con il Direttore dell’Ufficio scolastico provinciale per spiegare le nostre richieste e per avere informazioni sulle scelte del Ministero e degli uffici decentrati relativamente all’organico 2021-22.

Claudia Finetti, Adele Porcaro, Gianluca Gabrielli

Seguono le firme di 82 docenti dell’IC 5 di Bologna (Scuole primarie Acri, Federzoni e Grosso)

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook