Home Attualità Brunetta sui concorsi: vi spiego perché no alla prova preselettiva

Brunetta sui concorsi: vi spiego perché no alla prova preselettiva

CONDIVIDI
  • Credion

Il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta riferisce al Senato sui concorsi, per motivare le proprie scelte (e del gruppo di lavoro) in fatto di prova preselettiva.

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook

No alla preselezione fondata sui quiz logico-matematici, rivendica il Ministro. “Io lo dico con sincerità: non avrei fatto nessuna carriera se avessi dovuto rispondere a quiz di quel tipo, e penso non sia legittimo sottoporre a quel tipo di prove, che però si erano rese necessarie da un certo momento in poi per ridurre la massa di concorrenti”.

Icotea

Perché no? Perché “nel tempo hanno portato a un particolare processo di formazione. “Di fatto – sostiene il Ministro della P.A. – i ragazzi non studiano più le materie delle proprie specializzazioni, ma tutto il loro tempo dedicato al concorso, non è tempo per approfondire e studiare, ma tempo per imparare a memoria i quiz, tratti da una banca dati.”

E continua: “Non è disdicevole, solo che non ti lascia nulla dal punto di vista della cultura, della formazione, dell’approfondimento. Così, ci siamo detti: abbandoniamo i quiz, che non sono disdicevoli in sé ma che sono figli di un’emergenza quantitativa (snellire la platea di candidati) e vediamo se riusciamo, grazie ai vincoli dell’emergenza Covid, a cambiare paradigma.”

Quale sarebbe, quindi, il nuovo paradigma, secondo il ministro Brunetta? “Concorsi digitalizzati, semplificati, di durata ridotta.”

E conclude: “Eliminare i quiz preselettivi per me ha significato un ritorno a respirare buone pratiche. Pensare a dei giovani che passano le giornate a mandare a memoria dei quiz logico-matematici mi ripugnava.”

I nostri corsi di preparazione al concorso

Per prepararti al concorso, segui il corso Guida alla normativa scolastica, concorso ordinario per scuola secondaria

Per prepararti al concorso, segui il corso Guida alla normativa scolastica, concorso ordinario per scuola dell’infanzia e primaria

Per prepararti al concorso, segui il corso Nuove tendenze della didattica, tra digitale e innovazione

Ambiti disciplinari

Per prepararsi in ambito disciplinare, area filosofica, classe di concorso A18, segui il corso Preparazione concorso ordinario Filosofia e Scienze umane, a cura di Angelo Morales.

Per prepararsi in ambito disciplinare, area filosofica classe di concorso A19, segui il corso Preparazione concorso ordinario Filosofia e Storia, a cura di Salvatore Di Stefano.

LEGGI ANCHE