Home Archivio storico 1998-2013 Calendario scolastico Calendario scolastico 2010/2011, nuovi aggiornamenti

Calendario scolastico 2010/2011, nuovi aggiornamenti

CONDIVIDI
  • Credion

A sedere sui banchi di scuola per primi, il 9 settembre 2010, saranno gli alunni del Trentino (Trento). Seguiranno, il 13 settembre, quelli delle regioni Alto Adige (Bolzano), Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Umbria, Veneto e Calabria. Tutte regioni del Nord Italia. Quindi sarà la volta degli scolari dell’Emilia-Romagna il 14 settembre, della Sardegna e della Toscana, il 15, delle Marche e della Basilicata il 16 e della Liguria, Puglia e dell’Abruzzo il 20 settembre

I cancelli delle scuole richiuderanno, invece, l’8 giugno nelle Marche e in Puglia, il 9 giugno 2011 in Veneto seguito dalla Sardegna il 10 giugno. Le altre regioni quali Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Toscana, Trentino, Emilia-Romagna, Abruzzo, Basilicata, Umbria, Calabria, Valle d’Aosta chiuderanno l’11 giugno.  La Liguria il 15 e l’Alto Adige il 16.
Quasi tutte unanimi per quanto riguarda l’intervallo delle festività natalizie che oscilla tra il 23 dicembre 2010 all’8 gennaio 2011, tranne qualche piccola variazione.
L’arco di tempo interessato, invece, per le vacanze pasquali oscilla tra il 20 o 21 al 26 aprile 2011.
Per le regioni dell’estremo Nord della nostra penisola sono previste altre vacanze come quelle invernali. Nei dettagli si vedono le scuole di Bolzano e della Valle d’Aosta chiudere dal 7 al 12 marzo 2011 e quelle del Friuli-Venezia Giulia dal 7 al 9 marzo.
Alcune regioni, tra quelle che al momento hanno deliberato il nuovo calendario, hanno predisposto diversi giorni da dedicare al Carnevale. 
Si tratta della provincia autonoma di Trento e della regione Veneto che dal 7 al 9 marzo 2011 lasceranno a casa i ragazzi per le festività carnascialesche.
Sul nostro sito, nella rubrica “Calendario scolastico”, a sinistra della home page, come ogni anno allestiremo uno speciale dettagliato comprendente anche le singole feste regionali.