Home Alunni Caro studente non giocare con una app, ma creala

Caro studente non giocare con una app, ma creala

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Parlare di Coding nella scuola vuol dire fare riferimento ad un ambiente di programmazione gratuito che ha un linguaggio di programmazione di tipo grafico.

Questo linguaggio è ispirato alla teoria costruzionista dell’apprendimento (Il costruzionismo è una teoria dell’apprendimento, basato sulla teoria del costruttivismo, secondo la quale l’individuo che apprende costruisce modelli mentali per comprendere il mondo intorno a lui  e progettato per l’insegnamento della programmazione attraverso primitive visive (https://www.tecnicadellascuola.it/coding-nella-scuola-primaria-da-scratch-a-scratch-jr ).

Adatto per realizzare simulazioni, animazioni, arte interattiva, musica, giochi semplici e per visualizzare esperimenti vari, questo linguaggio è adatto a insegnanti, studenti, genitori. Di seguito riportiamo due motivi per evidenziare la validità didattica del coding (https://www.microninja.me/perche-coding-a-scuola/ );

ICOTEA_19_dentro articolo
  1. il coding permette di giocare e sperimentare, senza paura di sbagliare: l’errore, anzi, deve essere visto come parte stessa dell’apprendimento e del processo educativo, un’opportunità per trovare nuove idee e arrivare alla soluzione, anche attraverso il confronto coi propri compagni.
  2. il coding permette di imparare a creare con la tecnologia, e non solo interagire con essa: citando l’ex presidente degli U.S.A. Barak Obama: non giocare con un’App: creala. Un aforisma che sintetizza alla perfezione il pensiero del già citato Mitch Resnick, che creò Scratch proprio per aiutare i bambini -e non solo- a diventare essi stessi protagonisti attivi della tecnologia.

Oggi più che mai dopo l’emergenza sanitaria che ha piegato l’economia mondiale, la creatività progettuale di uno studente è fondamentale

Preparazione concorso ordinario inglese