Home Personale Certificazione medica da esibire in caso di visite specialistiche del personale scolastico

Certificazione medica da esibire in caso di visite specialistiche del personale scolastico

CONDIVIDI

Il sindacato autonomo di base, SAB, in una nota, precisa che sono pervenute diverse richieste di chiarimento in merito alla  certificazione medica da esibire in caso di visite specialistiche del personale scolastico.

SAB, tramite il segretario generale Francesco Sola, segnala “comportamenti anomali” di alcuni dirigenti scolastici i quali, forse disconoscendo la normativa in materia, arrogandosi anche di un potere “legislativo” ancora non posseduto, continuano a imporre al personale scolastico, per tali tipologie di assenze, il ricorso a permessi per motivi personali e/o familiari, o giustificare l’assenza con certificazione del proprio medico curante.

La circolare della Funzione Pubblica n. 2/2014 ripresa anche dal Miur con circolare prot. n. 5181 del 22/4/2014, è stata annullata con sentenza del TAR Lazio n. 5714/2015 che ha ribadito “il principio secondo il quale l’assenza per effettuare visite specialistiche, terapie e accertamenti diagnostici, è ben diversa dall’assenza per motivi personali/familiari, per cui la discrezionalità non è in capo all’Amministrazione, la quale non può limitare il dipendente e costringerlo alla fruizione di permessi che per loro natura sono diversi dall’istituto della malattia”.

In mezzo alla notizia

Sentenza Tar Lazio 5714 Del 17 Aprile 2015 Assenze Permessi Brevi Per Visite Specialistiche

Sulla circolare 5181/2014, è intervenuto lo stesso MIUR con avviso del 29/05/2014 precisando che “le disposizioni di dettaglio contenute nella nota prot. 5181 sono efficaci esclusivamente nei confronti del personale Amministrativo in servizio nel MIUR – Comparto Ministeri – e non riguardano in alcun modo il Personale Scolastico”.

Avviso Del 29 Maggio 2014 Assenze Dipendenti Pubblici

L’attuale riferimento normativo, in merito alla certificazione da esibire per visite specialistiche ecc., se effettuate fuori regione, comprensive anche dei giorni di viaggio, è il D. L.vo n. 75 del 25/5/2017 pubblicato in G.U. il 7/6/2017, s.g. n. 130, il quale, all’art. 18 – istituzione del polo unico per le visite fiscali – prevede modifiche all’art. 55 septies del D. L.vo n. 165/2001.

Decreto Legislativo 25 Maggio 2017 N75

Nelle note a tale articolo, che riporta il nuovo completo delle modifiche, è previsto che, nota 5 – ter: “Nel caso in cui l’assenza per malattia abbia luogo per l’espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche ed esami diagnostici, il permesso è giustificato mediante la presentazione di attestazione, anche in ordine all’orario, rilasciata dal medico o dalla struttura, anche privati, che hanno svolto la visita o la prestazione o trasmessa da questi ultimi mediante posta elettronica”.

Sab precisa, in una nota, che, alla luce delle varie segnalazioni e del quadro normativo, per la giustificazione dell’assenza riferita alle visite in oggetto, si può far ricorso a uno dei modi previsti dall’art. 5 ter, senza pretendere il certificato del medico curante, che invece sarà rilasciato nel solo caso in cui il dipendente, già in malattia, durante l’assenza, dovrà espletare visite specialistiche ecc. Solo in questo caso, il medico curante e il lavoratore, dovranno comunicare l’assenza dal proprio domicilio per le eventuali visite di controllo.