Home Attualità Classi pollaio, ridurle dovrebbe essere una priorità? – Partecipa al sondaggio

Classi pollaio, ridurle dovrebbe essere una priorità? – Partecipa al sondaggio

CONDIVIDI
  • Credion

Il Ministro Bianchi, in conferenza stampa con il Premier Draghi, per spiegare come verranno investiti gli oltre 17 miliardi di euro in arrivo dall’Europa sulla scuola, ha parlato, tra le altre cose, di dimensionamento della classi, un’espressione generica che lascia intendere che si agirà non solo (o non tanto) sul fronte delle classi pollaio ma anche sul fronte opposto, quello delle classi molto piccole, nelle zone del Paese difficili da raggiungere o comunque a bassa densità di popolazione.

Insomma, lo squilibrio tra classi altamente dimensionate e classi sotto dimensionate sarebbe la vera criticità del nostro sistema di Istruzione. Voi cosa ne pensate? Bisognerebbe insistere, con priorità, sulla riduzione delle classi pollaio?

Icotea

Partecipa al sondaggio

Ma spieghiamo meglio il progetto del Ministro. Patrizio Bianchi ha annunciato il suo piano, che consta di 2 ambiti: riforme investimenti.

Riforme

Riforme dedicate agli alunni:

  • riforma dei tecnici e professionali
  • riforma degli istituti tecnici superiori
  • riforma dell’orientamento, a partire dalla scuola media

Riforme dedicate agli insegnanti:

  • reclutamento, con attenzione ai tirocini
  • formazione iniziale degli insegnanti
  • formazione in servizio e continua

Riorganizzazione dell’intero sistema scolastico, con attenzione a:

  • dimensionamento degli istituti
  • numerosità delle classi

Investimenti

I due ambiti di investimento saranno: gli ambienti della nuova didattica; e i contenuti della nuova didattica.

Ambienti della nuova didattica (13 miliardi di euro):

  • asili nido
  • messa in sicurezza delle scuole
  • mense e palestre
  • estensione del tempo pieno
  • riduzione dei divari territoriali
  • Its

Contenuti della nuova didattica (5,4 miliardi di euro):

  • formazione sulla didattica digitale
  • attenzione alle nuove scienze

I primi 5 miliardi

Ecco come verranno ripartiti i primi 5 miliardi (i bandi annunciati entro novembre) secondo il comunicato del Governo:

  • 3 miliardi destinati a nuovi asili nido, aggiuntivi rispetto ai 700 milioni per progetti in essere e 900 milioni in conto corrente per sostenere gli enti nella gestione. 
  • 800 milioni per la costruzione di scuole nuove, altamente sostenibili e adeguate a una didattica innovativa per gli studenti dei prossimi decenni.
  • Oltre 430.000 mq di nuove palestre per valorizzare le competenze legate all’attività motoria e sportiva, nonché aumentare l’offerta formativa oltre l’orario curricolare. 
  • 400 milioni per la costruzione e riqualificazione degli spazi dedicati alle mense, potente strumento per favorire l’attivazione del tempo pieno e la limitazione della dispersione scolastica in vista della prossima definizione e pubblicazione si avvierà un confronto con i territori e i soggetti interessati.

Con una scadenza meno ravvicinata, ma comunque in stadio avanzato di elaborazione, vi sono i bandi per i progetti per l’innovazione digitale (avviso entro marzo 2022), il piano di estensione del tempo pieno e il piano per la riduzione dei divari territoriali nella dispersione scolastica. 

Cosa troverai nel nostro sondaggio

Qual è il tuo ruolo?

  • Dirigente
  • Docente
  • Genitore
  • Studente
  • Ata
  • Altro

Qual è il grado di scuola in cui sei coinvolto? 

  • Scuola dell’Infanzia
  • Scuola I Ciclo (Primaria e Medie)
  • Scuola Secondaria Superiore
  • Nessuno dei precedenti

Scegli la tua priorità 

  1. Asili Nido
  2. Costruzione e messa in sicurezza delle scuole
  3. Palestre e mense
  4. Estensione del tempo pieno
  5. Infrastrutture e formazione sul digitale
  6. Interventi per ridurre la dispersione scolastica (specie del Mezzogiorno)
  7. Riduzione del numero di alunni per classe