Home Attualità Classi senza mascherina, Bianchi rimanda a linee guida e Parlamento

Classi senza mascherina, Bianchi rimanda a linee guida e Parlamento

CONDIVIDI
  • Credion

Il ritorno in classe degli studenti è ormai vicino. In alcuni casi si è già tornati (Alto Adige), altre regioni a partire da lunedì 13 settembre ritroveranno insegnanti e alunni. Ma su alcuni punti ci sono ancora interrogativi che ieri il ministro Bianchi, in audizione alla Camera e al Senato, ha voluto chiarire.

Uno di questi riguarda le misure di sicurezza da adottare in classe, con la possibilità di togliere le mascherine in un’aula di insegnanti e alunni (tutti) vaccinati. Una scelta che ha scatenato diverse reazioni, in parte negative soprattutto di alcuni genitori che considerano discriminatoria questa possibilità.

Il ministro si è però difeso, sottolineando che quest’eventualità è inserita nel decreto 111 del 6 agosto, e che si sta ragionando sulle linee guida, che dovranno essere stilate per chiarire meglio questo punto e accompagnare i presidi nella gestione di queste situazioni. Non c’è ancora una data dunque, ma Bianchi ha comunque “girato” al Parlamento la responsabilità di questa opportunità. “Il Parlamento è sovrano” ha annunciato il ministro.

Una possibilità che comunque potrebbe riguardare diverse classi visto che il 92% del personale scolastico è vaccinato e il 70% dei ragazzi fra i 16 e i 19 anni si è già sottoposto almeno alla prima dose.