Home Attualità Collegio dei docenti: qualche scuola prova a deliberare senza convocarlo. La denuncia...

Collegio dei docenti: qualche scuola prova a deliberare senza convocarlo. La denuncia di Cobas Sardegna

CONDIVIDI

In diverse scuole della Sardegna i collegi dei docenti per l’approvazione dei progetti del Piano estate si sarebbero svolti in modo “strano”: la segnalazione arriva dal sindacato Cobas Sardegna che, in un comunicato di queste ore, parlano di “modalità di consultazione dei Collegi Docenti e dei Consigli d’Istituto gravemente irregolari e che hanno addirittura del surreale”.

“Infatti – aggiungono i Cobas Sardegna – abbiamo avuto notizia che ultimamente taluni Collegi Docenti hanno assunto delibere in modalità asincrona senza che l’Organo Collegiale si sia mai riunito ma, esclusivamente, con votazioni su form o via mail e sulla base di proposte della dirigenza scolastica mentre, in altri casi, il Collegio è stato convocato ma le votazioni vengono svolte fuori dalla seduta del Collegio Docenti in un momento successivo, sempre su form o mail”.

Icotea

Secondo il sindacato di base, che nell’isola è particolarmente radicato, tutto questo accade anche grazie “alla complicità e all’acquiescenza opportunistica di taluni docenti che di fronte alla domanda del dirigente (‘Volete voi un Collegio Docenti a distanza e sincrono o preferite un Collegio asincrono, per rispondere e deliberare su un format precostituito?’) spesso rispondono in maggioranza: la seconda che hai detto”.
Secondo i Cobas Sardegna questa situazione non è legata solo all’emergenza pandemica: “Noi riteniamo sia in atto lo stesso principio di destrutturazione della democrazia, della trasparenza e dei controlli che da più parti viene invocata anche in materia d’appalti e di affidamento delle commesse pubbliche”.

“E così – aggiungono – nella scuola, di fronte all’opportunità di mettere le mani sui fondi del c.d. Piano scuola Estate 2021, non si può star lì a perdere tempo con riunioni, discussioni ed approvazioni consapevoli oramai obsolete”.
“L’input – denuncia il sindacato – lo dà il Ministero che, sempre sulla scorta dell’urgenza e dell’emergenza, avvisa: la scadenza per presentare progetti è fissata per il 21 maggio, ma le obbligatorie delibere preliminari degli organi collegiali possono essere assunte anche dopo… con comodo”.
“Ciononostante – concludono i Cobas Sardegna – numerosissimi collegi dei docenti, compresa l’inutilità e la strumentalità propagandistica del Piano estate, annunciano che si rifiuteranno di aderire”.