Home Personale Colloqui scuola-famiglia, scuola che vai regole che trovi

Colloqui scuola-famiglia, scuola che vai regole che trovi

CONDIVIDI

Le ore di servizio dei docenti non si limitano solo al tempo dedicato a svolgere le lezioni in classe, ma ci sono molte ore di lavoro per le attività funzionali all’insegnamento tra cui i colloqui con le famiglie.

Normativa sull’orario di servizio dei docenti

Per quanto riguarda l’orario di servizio dei docenti, possiamo dire che è regolato dal Contratto Collettivo Nazionale 2006-2009 e da quello 2016-2018.

Icotea

L’art. 28 del CCNL scuola 2016-2018 introduce alcune novità, lasciando inalterato quanto previsto dall’art.28 del CCNL del 29 novembre 2007, ma specificando che l’orario di cui al comma 5 di tale articolo può anche essere parzialmente o integralmente destinato allo svolgimento di attività per il potenziamento dell’offerta formativa.

Nel CCNL scuola 2016-2018 viene specificato che, al di fuori dei casi previsti dall’articolo 28, comma 8, del CCNL 29/11/2007, qualunque riduzione della durata dell’unità oraria di lezione, con delibera assunta dal Collegio dei docenti, ne comporta il recupero prioritariamente in favore dei medesimi alunni nell’ambito delle attività didattiche programmate dall’istituzione scolastica.

Per le norme suddette il docente della scuola dell’infanzia deve garantire 25 ore settimanali di attività didattica, quello della scuola primaria 22 ore + 2 di programmazione e il prof della scuola secondaria di I e II grado 18 ore settimanali.

Oltre queste ore di servizio ci sono le cosiddette ore di attività funzionali all’insegnamento, ovvero le ore di lavoro previste dall’art. 29 del CCNL scuola 2006/2009.

Tra gli adempimenti individuali dovuti rientrano le attività relative: a) alla preparazione delle lezioni e delle esercitazioni; b) alla correzione degli elaborati; c) ai rapporti individuali con le famiglie.

Per i docenti sono previste sino ad 80 ore di servizio, suddivise in 40 ore di partecipazione alle attività dei Collegi docenti, della programmazione (dipartimenti), dell’informazione alle famiglie sui risultati degli scrutini trimestrali, quadrimestrali e finali e sull’andamento delle attività educative nelle scuole materne e nelle istituzioni educative, ed in altre 40 ore per i Consigli di classe di tutto l’anno scolastico. I Consigli di classe degli scrutini intermedi e finali sono ore di servizio che non rientrano nel calcolo orario delle suddette 40 ore.

In buona sostanza lo svolgimento degli scrutini e degli esami, compresa la compilazione degli atti relativi alla valutazione, sono attività obbligatorie che non rientrano nel calcolo delle ore di servizio.

Orario di servizio per i colloqui con le famiglie

Non tutte le scuole adottano lo stesso orario di servizio per i colloqui scuola famiglia. Si potrebbe dire: “scuola che vai regolamento che trovi”.

La difformità dell’orario di servizio per i colloqui scuola famiglia è dovuto all’art.29, comma 4, del CCNL scuola 2006-2009, in cui è scritto: “Per assicurare un rapporto efficace con le famiglie e gli studenti, in relazione alle diverse modalità organizzative del servizio, il consiglio d’ istituto sulla base delle proposte del collegio dei docenti definisce le modalità e i criteri per lo svolgimento dei rapporti con le famiglie e gli studenti, assicurando la concreta accessibilità al servizio, pur compatibilmente con le esigenze di funzionamento dell’istituto e prevedendo idonei strumenti di comunicazione tra istituto e famiglie”.

Ci sono scuole che obbligano i docenti, senza nessun criterio di flessibilità oraria, di prestare 4 ore di servizio pomeridiano a quadrimestre o addirittura a trimestre per colloquiare con i genitori di una sola classe, ci sono scuole che oltre gli incontri pomeridiani, hanno adottato un’ora in più a settimana per gli incontri antimeridiani con le famiglie. Poi ci sono le scuole dove si riceve la mattina solo su appuntamento o un’ ora al mese e nei colloqui pomeridiani è tutto commisurato al numero delle classi che si devono ricevere.