Home I lettori ci scrivono Compiti a casa, si o no? E’ scontro fra docenti e genitori

Compiti a casa, si o no? E’ scontro fra docenti e genitori

CONDIVIDI

Con il termine delle lezioni e l’inizio per molti alunni non impegnati negli Esami di terza media e di maturità si pone la vexata quaestio dei compiti per le vacanze, un problema che non trova d’accordo insegnanti e genitori, in quanto i primi sostengono che ai ragazzi devono assegnare i compiti durante il periodo di chiusura della scuola; i secondi, invece, sostengono che i compiti sottraggono tempo alla famiglia, al gioco, al divertimento.

Molti genitori che lavorano tutto il giorno devono trovare il tempo per dedicarsi di più ai figli e per questo non vogliono che facciano compiti durante le vacanze. Se gli insegnanti li oberano di compiti questo tempo libero viene meno.

Icotea

Appesantire la giornata degli alunni con molti compiti a casa credo che non risolva granchè. Le famiglie, dunque, è bene ribadirlo ancora, vogliono che i figli nei mesi estivi stiano sempre con loro e che devono mettere da parte i libri e non svolgere compiti. Questa esigenza di padri e madri che sentono il bisogno vero di stare di più con i figli è maggiormente avvertita oggi per la sempre maggiore presenza di famiglie mononucleari dove vi è solo la figura paterna o la figura materna che rivendicano a gran voce che i figli siano sempre con loro soprattutto nel periodo estivo.

È cambiato profondamente lo specchio della società per la quale abolire i compiti a casa sarebbe la cosa migliore.

 

Mario Bocola