Home I lettori ci scrivono Con il bonus va premiato il docente che sta in classe

Con il bonus va premiato il docente che sta in classe

CONDIVIDI

Per l’attribuzione del bonus per il merito dei docenti i Dirigenti scolastici dovrebbero tenere conto soltanto di due parametri importantissimi: il lavoro che il docente svolge essenzialmente in classe a contatto diretto con gli alunni che gli permette di creare un bel rapporto empatico e far appassionare i suoi studenti alla disciplina che insegna e le qualità culturali e professionali del docente.

Il bonus non deve essere attribuito all’insegnante che durante l’anno scolastico ha svolto una miriade di progetti e ha curato molto poco la didattica d’aula. Il docente bravo e preparato non è affatto colui il quale presenta ad inizio d’anno scolastico un elenco infinito di progetti di tutte le specie e le marche pur di stare un tempo limitato in classe a contatto con gli alunni.

Certo effettuare una lezione, spiegare, interrogare, sottoporre verifiche scritte e poi correggerle è faticoso e richiede un impegno gravoso di tempo e di sforzo mentale.

ICOTEA_19_dentro articolo

Ecco perché molti docenti “storcono” il naso quando devono fare quattro ore di lezione in classi molto numerose e allora preferiscono intrufolarsi in mille tipologie di progetti oppure altri incarichi collaterali alla funzione docente.

Non è la miriade di incarichi e progetti ad essere valutati dal Dirigente Scolastico, ma il docente che lavora in classe con gli alunni svolgendo durante l’anno scolastico la sua progettazione curriculare e alla fine della carriera scolastica del docente trarre il risultato finale delle conoscenze e competenze che gli alunni sono riusciti a conseguire.

Mario Bocola

CONDIVIDI