Home Politica scolastica Concorsi scuola, Azzolina conferma: a settembre 24mila assunzioni, tutto il resto dal...

Concorsi scuola, Azzolina conferma: a settembre 24mila assunzioni, tutto il resto dal 2021

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Con il passare dei giorni la situazione dei concorsi per docenti si sta facendo sempre più chiara.
Nella giornata del 5 febbraio, la ministra Lucia Azzolina ha aggiunto un ulteriore tassello al quadro complessivo, rispondendo al question time alla Camera.
Per quanto riguarda il concorso straordinario per la scuola secondaria Lucia Azzolina ha confermato che il bando è stato inviato al CSPI per il prescritto parere.
“I vincitori dello straordinario andranno in cattedra il 1° settembre” ha assicurato la Ministra che ha subito aggiunto: “Il concorso ordinario per 25 mila posti sempre per la scuola secondaria di primo e secondo grado sarà bandito contestualmente al precedente e ci consentirà di mettere in cattedra i vincitori nel successivo anno scolastico; e anche il concorso ordinario per la scuola dell’infanzia e primaria sarà bandito negli stessi tempi”.
L’intenzione, ha sottolineato la Ministra, è quella di ridurre la quota di precariato nella scuola.
Ma, se i tempi sono questi, a settembre 2020 non ci sarà nessuna riduzione del precariato, in quanto le 25mila assunzioni riusciranno a pareggiare a mala pena i pensionamenti.
Per quanto riguarda il concorso per docenti di religione Lucia Azzolina ha detto: “Posso confermare che ho già avviato contatti preparatori, a livello di esperti, per un corretto svolgersi delle interlocuzioni con gli organi competenti in seno alla Conferenza Episcopale italiana, per l’adozione dell’Intesa che è un atto, bilaterale, preliminare e indispensabile per l’avvio della stessa procedura selettiva”.
Le dichiarazione della Ministra dell’Istruzione non smuovono di un millimetro le organizzazioni sindacali che hanno confermato la decisione di proclamare una giornata di sciopero per il prossimo 17 marzo: lo sciopero riguarderà tutto il personale precario ed è motivato dal mancato accoglimento delle richieste sindacali relative ad alcuni aspetti delle diverse procedure concorsuali considerati particolarmente rilevanti.

Preparazione concorso ordinario inglese