Home Archivio storico 1998-2013 Concorso Dirigenti Concorso Ds: in Piemonte probabile errore nella scheda B di valutazione della...

Concorso Ds: in Piemonte probabile errore nella scheda B di valutazione della II prova scritta

CONDIVIDI
  • GUERINI

Nella regione Piemonte lo scorso 6 luglio è stata pubblicata la graduatoria provvisoria generale di merito e nella nota dell’Usr competente (Prot. n. 7686/U/C2a) si fa presente che la graduatoria generale di merito definitiva con l’elenco dei vincitori verrà pubblicata in data 13 luglio 2012.
In questo clima di attesa, si rincorrono voci sempre più insistenti (corredate da file documentali) di alcuni ricorrenti piemontesi, in riferimento alla griglia di valutazione (Scheda B di valutazione della seconda prova scritta), rea di contenere al suo interno errori numerici inconfutabili. In questa griglia la somma del punteggio massimo è pari a 32 e non a 30 come indicato nel bando di concorso, quindi i punteggi della II prova scritta sono riferiti a 32 e dovevano essere riportati con semplici trasformazioni a 30. Il problema numerico diventa di non facile correzione nel caso di attribuzione del punteggio minimo pari a 21.
In questo caso i candidati che hanno conseguito nella II prova scritta, una valutazione di 21/32 e 22/32, hanno un punteggio effettivo in trentesimi rispettivamente di 19,68/30 e 20,62/30, per cui non avrebbero dovuto essere ammessi alla prova orale, in quanto non hanno raggiunto la minima valutazione di 21/30.
Questa scheda di valutazione sarà il perno centrale di una probabile contesa giuridica, che potrebbe cambiare l’intera graduatoria di merito piemontese. I tribunali amministrativi, ma prima ancora l’Usr competente, dovranno valutare per prima cosa l’originalità della scheda consegnata ai ricorrenti che ne hanno fatto richiesta, e l’entità dell’errore numerico in essa contenuto.
Già si respira aria di contenzioso tra vincitori e idonei, e questo errore, se così sarà etichettato da chi di dovere, potrebbe acuire tensioni mai sopite, quindi urge fare chiarezza al più presto.
L’errore continua ad essere una costante di questo concorso travagliato, ma nel caso specifico si può dire che la matematica, o meglio l’aritmetica non è un’opinione.