Home Didattica DaD e coinvolgimento degli alunni: cos’è la didattica di prossimità?

DaD e coinvolgimento degli alunni: cos’è la didattica di prossimità?

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Cos’è la didattica di prossimità e cosa ha a che fare con la DaD? (VAI AL CORSO SULL’ARGOMENTO)

Il nuovo Dpcm del 3 novembre ha decretato che in DaD non andranno solo tutte le scuole superiori, ma anche le scuole medie relativamente alle classi seconde e terze appartenenti alle zone rosse.

Un’esigenza che mette in moto tra la classe docente un vivo fermento legato alla ricerca di strategie e metodi che permettano alla didattica di agganciare gli alunni allo schermo, coinvolgendoli attivamente nelle lezioni a distanza, nel tentativo di non lasciare indietro nessuno.

ICOTEA_19_dentro articolo

Quali strategie di coinvolgimento

La didattica si ripensa, insomma, al fine di compensare la lontananza, le difficoltà comunicative, le carenze del para verbale e molti altri elementi che nella didattica ordinaria fanno la differenza.

Dunque quali strategie di coinvolgimento possono risultare più efficaci nella didattica a distanza?

Gli esperti parlano di didattica di vicinanza e prossimità in riferimento a quegli approcci in grado di allargare gli spazi dell’inclusività, lavorando su un contatto che non è solo prossimità allo schermo (se parliamo di didattica a distanza), ma anche contatto inteso come prossimità e legame tra le parti sociali, la scuola e la famiglia.

In altre parole le strategie di coinvolgimento degli alunni in assetto di didattica a distanza sono da pensare su un fronte ampio, che significa relazione estemporanea tra docente e alunno ma anche altro: capacità di rendere autonomo l’alunno nello svolgimento dei propri compiti, capacità di rendere i genitori consapevoli che i ragazzi vanno aiutato nell’ambito di un approccio condivisi con la scuola, ecc.

Il corso

Su questi argomenti il corso di Claudia Matini: Come coinvolgere gli studenti nella fase di distanziamento fisico e DaD, in programma dal 19 novembre al 2 dicembre.

La formatrice tenterà di rispondere a domande del tipo: qual è la metodologia più giusta per catturare l’attenzione degli studenti? Come mantenere vivo il loro interesse nel tempo? Come tranquillizzare gli studenti durante la DAD? Proverà così a fornire informazioni teorico-pratiche per sostenere la capacità dell’insegnante di gestire la complessità di una lezione vincolata dal distanziamento fisico o dall’obbligo posto dalla Didattica a Distanza, con l’obiettivo di favorire la partecipazione degli studenti.

Preparazione concorso ordinario inglese