Home Archivio storico 1998-2013 Generico Delude l’orientamento post-diploma: per il 70% delle matricole non è servito a...

Delude l’orientamento post-diploma: per il 70% delle matricole non è servito a niente

CONDIVIDI
  • Credion
C’è qualcosa che non va nell’organizzazione dell’orientamento svolto dalle Università e dalle scuole medie superiori per favorire l’accesso ad un corso di laurea (o ad un settore del mondo del lavoro) adatto alle caratteristiche dei singoli studenti diplomati: è il messaggio che arriva dal Profilo dei diplomati 2008”, una ricerca svolta da AlmaDiploma, l’associazione di scuole partner del Consorzio interuniversitario AlmaLaurea, su un campione di quasi dodicimila diplomati nel 2008 appartenenti a 114 istituti.
In base a quanto risulta dallo studio annuale, presentato per la sesta edizione in corrispondenza della fine dell’anno solare, sembrerebbe che i consigli sino ad oggi elargiti agli studenti, tramite Università, fiere, saloni e direttamente dalle scuole superiori, abbiano dato risultati a dir poco deludenti: basti pensare che un quinto degli studenti iscritti all’Università abbandona gli studi al primo anno, con differenze fra le aree disciplinari, che vanno dal 10% per l’area medica al 29% per quella geo-biologica. Indicativo anche il fatto che un altro 10% di studenti che alla fine del primo anno cambia indirizzo di studi.
Ancora più marcate le risposte fornite ai ricercatori del Consorzio universitario direttamente dagli studenti neo-diplomati intervistati: il 70% ritiene che le iniziative di orientamento svolte presso l’università non sono servite per niente nella scelta dei loro studi; quasi 60 immatricolati su cento dichiarano di fatto la totale inutilità di fiere, saloni ed incontri con docenti accademici. Per altri 21 questi appuntamenti, spesso canonici, sarebbero invece “quasi inutili”. Impietoso, per la metà del campione, anche il giudizio sull’orientamento svolto dagli istituti superiori: 47 immatricolati su cento ritengono che non siano servite “per niente” le iniziative svolte presso le scuole superiori, altri 31 su cento dichiarano che sono servite “poco”; secondo 45 immatricolati su cento i consigli degli insegnanti delle superiori non sono serviti “per niente”, secondo 33 sono serviti “poco”.
I consigli più preziosi sembrerebbe che invece arrivino dai “contatti” diretti: “al top per utilità – si legge nel rapporto finale di AlmaLaurea – troviamo i consigli di altri studenti universitari con il 34 per cento, seguiti dai consigli dei genitori con il 25 per cento e da quelli dei coetanei con il 22 per cento”. Alla luce di tutto questo il Consorzio universitario non nasconde che “di fronte all’università che li attende e del mondo del lavoro, la conoscenza evidenziata dai diplomati risulta davvero sommaria: solo il 2% degli studenti diciannovenni, appena diplomati, conoscono il mercato del lavoro e l’università”. Un’indicazione, quest’ultima, che vale più di tanti giudizi o interpretazioni su un ambito che andrebbe sin da subito rivisto e adeguato alle attuali esigenze accademiche e professionali.