Home Attualità Depuratore d’aria anti covid. Sperimentazione in una scuola

Depuratore d’aria anti covid. Sperimentazione in una scuola

CONDIVIDI
  • Credion

Una startup  italiana avrebbe brevettato un depuratore per l’aria dotato di filtro anti Sars-CoV-2 e a breve dovrebbe essere sperimentato, installando  52 apparecchi,  nell’Istituto Superiore Schiaparelli-Gramsci di Milano.

Il progetto pilota è frutto di un protocollo di intesa tra Nanohub, la scuola e la Dto, società italiana che opera nel settore della commercializzazione ed assistenza tecnica di strumentazione scientifica e prevede il comodato d’uso dei depuratori per un anno. 

Icotea

Il congegno dovrebbe essere in grado di inattivare in tempi rapidi la carica virale infettiva negli ambienti chiusi: in soli 10 minuti sarebbe in grado di inattivare il 98,2% della carica virale infettiva del Sars-Cov-2 in una stanza, in 20 minuti di oltre il 99,8%, fino ad arrivare al 100% in 30 minuti. L’efficacia del filtro è stata testata nel laboratorio di Elisa Vicenzi, capo dell’Unità di Patogenesi Virale e Biosicurezza dell’Ospedale San Raffaele di Milano.

La nuova tecnologia, dicono gli interessati, può “dare un importante contributo ed è per questo che abbiamo voluto avviare la collaborazione con la startup NanoHub che rappresenta una eccellenza nel campo delle nanotecnologie. Monitoreremo i risultati e ci auguriamo siano positivi”.