Home Attualità Depuratore d’aria anti covid. Sperimentazione in una scuola

Depuratore d’aria anti covid. Sperimentazione in una scuola

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Una startup  italiana avrebbe brevettato un depuratore per l’aria dotato di filtro anti Sars-CoV-2 e a breve dovrebbe essere sperimentato, installando  52 apparecchi,  nell’Istituto Superiore Schiaparelli-Gramsci di Milano.

Il progetto pilota è frutto di un protocollo di intesa tra Nanohub, la scuola e la Dto, società italiana che opera nel settore della commercializzazione ed assistenza tecnica di strumentazione scientifica e prevede il comodato d’uso dei depuratori per un anno. 

Il congegno dovrebbe essere in grado di inattivare in tempi rapidi la carica virale infettiva negli ambienti chiusi: in soli 10 minuti sarebbe in grado di inattivare il 98,2% della carica virale infettiva del Sars-Cov-2 in una stanza, in 20 minuti di oltre il 99,8%, fino ad arrivare al 100% in 30 minuti. L’efficacia del filtro è stata testata nel laboratorio di Elisa Vicenzi, capo dell’Unità di Patogenesi Virale e Biosicurezza dell’Ospedale San Raffaele di Milano.

ICOTEA_19_dentro articolo

La nuova tecnologia, dicono gli interessati, può “dare un importante contributo ed è per questo che abbiamo voluto avviare la collaborazione con la startup NanoHub che rappresenta una eccellenza nel campo delle nanotecnologie. Monitoreremo i risultati e ci auguriamo siano positivi”.

Preparazione concorso ordinario inglese