Home Attualità Discorso Draghi sulla scuola: disuguaglianze generate dalla didattica a distanza

Discorso Draghi sulla scuola: disuguaglianze generate dalla didattica a distanza

CONDIVIDI
  • Credion

“Le ragazze e i ragazzi hanno avuto, soprattutto quelli nelle scuole secondarie di secondo grado, il servizio scolastico attraverso la Didattica a Distanza che, pur garantendo la continuità del servizio, non può non creare disagi ed evidenziare diseguaglianze.” Così il Premier Mario Draghi nel discorso con cui ha presentato al Senato il proprio programma di Governo in vista della Fiducia.

RIVEDI LA DIRETTA

Un discorso che ha preso in carico il tema della scuola e del necessario sacrificio che la generazione del Premier è tenuta a fare nei confronti dei giovani.

Icotea

“Spesso mi sono chiesto se noi, e mi riferisco prima di tutto alla mia generazione, abbiamo fatto e stiamo facendo per loro tutto quello che i nostri nonni e padri fecero per noi, sacrificandosi oltre misura. È una domanda che ci dobbiamo porre quando non facciamo tutto il necessario per promuovere al meglio il capitale umano, la formazione, la scuola, l’università e la cultura. Una domanda alla quale dobbiamo dare risposte concrete e urgenti quando deludiamo i nostri giovani costringendoli ad emigrare da un paese che troppo spesso non sa valutare il merito e non ha ancora realizzato una effettiva parità di genere.”

“Una domanda che non possiamo eludere quando aumentiamo il nostro debito pubblico senza aver speso e investito al meglio risorse che sono sempre scarse. Ogni spreco oggi è un torto che facciamo alle prossime generazioni, una sottrazione dei loro diritti. Esprimo davanti a voi, che siete i rappresentanti eletti degli italiani, l’auspicio che il desiderio e la necessità di costruire un futuro migliore orientino saggiamente le nostre decisioni. Nella speranza che i giovani italiani che prenderanno il nostro posto, anche qui in questa aula, ci ringrazino per il nostro lavoro e non abbiano di che rimproverarci per il nostro egoismo.”

La disuguaglianza nella scuola

Una preoccupazione, quella per le nuove generazioni, che si lega a stretto filo col tema della scuola, rispetto al quale il Premier Draghi pone l’attenzione sulle disuguaglianze inevitabilmente generate dalla didattica a distanza, a dispetto dei benefici nel rendere disponibile un servizio scuola che tuttavia, evidentemente, non ha riguardato tutti, lasciando indietro le fasce deboli economicamente e sul profilo socio-culturale.

“La diffusione del Covid ha provocato ferite profonde nelle nostre comunità, non solo sul piano sanitario ed economico, ma anche su quello culturale ed educativo. Un dato chiarisce meglio la dinamica attuale: a fronte di 1.696.300 studenti delle scuole secondarie di secondo grado, nella prima settimana di febbraio solo 1.039.372 studenti (il 61,2% del totale) ha avuto assicurato il servizio attraverso la Didattica a Distanza.”

LEGGI IL DISCORSO INTEGRALE DI DRAGHI