Home Precari Domande supplenze GPS al 21 agosto: ciò che è importante sapere

Domande supplenze GPS al 21 agosto: ciò che è importante sapere

CONDIVIDI
  • Credion

Ogni domanda per partecipare all’attribuzione di una supplenza annuale al 31 agosto o al 30 giugno va ovviamente sempre personalizzata secondo gli interessi degli aspiranti e curvata sulla loro posizione nelle graduatorie: GAE, GPS prima fascia, Elenchi aggiuntivi di prima fascia, GPS di seconda fascia, sul punteggio posseduto e sulla posizione in graduatoria.

Tuttavia possiamo individuare alcune  situazioni oggettive. Un docente inserito in GAE farà  la domanda per la scelta delle preferenze in modo diverso rispetto a chi è  inserito nella GPS di prima fascia o negli elenchi aggiuntivi ovvero nelle GPS di seconda fascia. Questi ultimi dovrebbero usare ad esempio le preferenze sintetiche, cercando di chiedere tutte le scuole di quella provincia soprattutto se ci sono poche disponibilità.

Ancora, chi si inserisce in una piccola provincia (ad es. Prato)  con poche scuole certamente farà  la domanda in modo diverso rispetto a chi presenta  la  domanda in province grandi o in città metropolitane con molte scuole (es. Napoli o Roma).  In questo caso sarà  necessario usare anche  le preferenze sintetiche (distretti e comuni).

Ancora, chi presenta una domanda per una classe di concorso o tipologia di posto  in cui ci sono molti posti nelle disponibilità pubblicate il 13 dagli AT o nei giorni a seguire, farà la domanda in modo diverso rispetto a chi fa domanda per classi di concorso e tipologie di posto dove ci sono pochi  posti disponibili.

Per quanto riguarda le disponibilità,  consigliamo  ovviamente  di tenerne conto, si pensi che il MI inizialmente avrebbe voluto che le domande fossero presentate “alla cieca”, senza conoscere le disponibilità, pur di procedere in fretta, per chiudere tutte le operazioni entro  il 31 agosto secondo le direttive di Palazzo Chigi, ma bisogna considerare anche che queste disponibilità potrebbero essere incomplete ovvero potrebbero essere ancora aggiornate fino al 21 agosto, data ultima per la presentazione delle domande (21 agosto alle ore 23.59), mancano ormai solo tre giorni.

Potrebbero altresì rendersi disponibili  posti dopo il 21 fino all’assegnazione dei posti  e anche dopo potrebbero essere disponibili  altri posti che non sono stati utilizzati in fase di assegnazione della sede dall’algoritmo. La sede assegnata sarà  comunicata via email all’ interessato e alla scuola dove questo prenderà servizio.

Ovviamente questi posti non possono essere attribuiti dai DS, se non fino all’avente diritto, in quanto i posti fino al 30 giugno e al 31 agosto sono attribuiti dagli AT se si rendono disponibili fino al 31 dicembre come previsto dall’ OM.60/2021.

Allora per i posti scelti dagli aspiranti a supplenza e solo se scelti entro il 21 agosto, con successiva  procedura manuale, questi posti saranno assegnati dagli AT  agli aventi diritto ai sensi dell’OM 60/2020.

Infine alcuni  suggerimenti sull’indicazione degli  spezzoni, secondo il range massimo. Minimo 7 ore massimo 24 ore scuola infanzia. Minimo 7 ore massimo 23 ore ( 22 + 1 di programmazione) scuola primaria. Minimo 7 ore massimo 17 ore scuola secondaria.

Gli spezzoni di 6 ore o inferiori a 6 ore ritorneranno, se non utilizzati nella composizione dei posti, tra le disponibilità delle scuole e saranno prioritariamente assegnati a domanda  ai docenti di ruolo di quelle discipline fino a 24 ore settimanali, poi al personale sempre  di ruolo che può  insegnare quelle discipline purché  sia abilitato o abbia il titolo di studio valido per quell’insegnamento e infine al supplente su spezzone ai fini del completamento orario, in ultima analisi lo spezzone sarà  attribuito dal DS scorrendo la G.I.

Per  quanto riguarda le preferenze analitiche o puntuali l’aspirante nell’ ordine indicherà l’opzione 31 agosto, 30 giugno e spezzone oppure secondo un ordine  diverso che ritiene più  opportuno. Si tenga conto che l’aspirante che è  soddisfatto per lo spezzone nella scuola A, dove non trova il posto intero, non potrà più  concorrere per un  posto intero presente nella scuola B,  indicata  nella domanda dopo la scuola A.

Quindi se si vuole ovviare a questo, consigliamo nelle piccole provincie, di indicare prima le scuole con il posto intero al 31 agosto e al 30 giugno e poi ripetere le medesime  scuole indicando questa volta solo lo spezzone.
Oppure nelle grandi province, consigliamo di indicare le scuole che interessano maggiormente,  chiedendo  cattedre intere al 31 agosto e al  30 giugno  e poi i comuni e i distretti che contengono tutte quelle scuole,  indicando questa volta  gli spezzoni, poi altri comuni e distretti  della provincia indicando cattedre intere al 31 agosto  al 30 giugno  e gli  spezzoni.

Ci sarebbero anche altre soluzioni ancora più  calibrate che l’aspirante potrebbe utilizzare ma si sforerebbe dal limite delle 150 preferenze previste dalla procedura.