Home Attualità Ecco l’identikit di chi preferisce la scuola privata

Ecco l’identikit di chi preferisce la scuola privata

CONDIVIDI

Sono ragazzi che vivono principalmente nelle province lombarde, mediamente più ricchi, hanno almeno un genitore laureato e entrambi sono occupati: lo dice l’Istat nel suo rapporto “Studenti e scuole dell’istruzione primaria e secondaria in Italia”;  e ripreso dal Sole 24 Ore.

Le scuole paritarie, che “non sono  gestiti direttamente dallo Stato e che possono comunque essere pubbliche, rappresentano il 12,9% del totale, con un picco per le secondarie di secondo grado che raggiungono il 26,2%. E che accolgono il 5,2% degli studenti italiani. In pratica, uno su venti”.

Icotea

La Lombardia è dunque la regione in cui è maggiormente diffuso il ricorso a questi istituti, seguita da Roma.

 

{loadposition carta-docente}

 

Per quanto riguarda invece il numero di scuole paritarie, ovvero sulla percentuale di istituti in un singolo territorio che non siano a gestione statale, “a primeggiare è la provincia di Napoli, dove il 38,4% degli istituti non è gestito direttamente dal Ministero dell’Istruzione. Si tratta, approssimando, di due istituti su cinque. L’incidenza maggiore si ha tra le primarie, dove si raggiunge il 39,7%. Tra le secondarie di primo grado si scende al 13,3%, per le secondarie di secondo grado si sale al 58,4%.

E sono appunto gli istituti superiori quelli tra i quali sono maggiormente diffusi gli istituti paritari. Il record spetta a Como, dove si arriva all’84,9% del totale. Seguono Varese con il 75,7% e Pescara con il 64%”.

I ragazzi che frequentano queste scuole “sono i rampolli di famiglie più ricche. A livello nazionale hanno un reddito medio di 25mila e 100 euro, contro i 15mila e 200 euro dei nuclei familiari dei ragazzi iscritti alle scuole statali. Il 43,2% di loro ha almeno un genitore laureato. Una percentuale più che doppia di quella che si riscontra tra coloro che frequentano gli istituti ministeriali (21,6%). Infine, nel 54,8% dei casi sia le loro mamme che i loro papà sono occupati. Percentuale anche questa superiore a quella riscontrata tra gli iscritti alle statali, che si ferma al 43,7%”.