Home Alunni Econopoly: le regole della finanza inventate dagli studenti

Econopoly: le regole della finanza inventate dagli studenti

CONDIVIDI

Grazie a “Econopoli”, una sorta di Monopoli per spiegare le regole chiave della finanza, i ragazzi della IV B dell’Istituto Geometri Bacaredda di Cagliari sono entrati nella top ten delle scuole italiane.

Il progetto è stato coordinato dal docente di Economia ed Estimo Gianfranco Peru sfruttando l’idea di realizzare un gioco da tavolo per spiegare i meccanismi dell’economia. Concetti tecnici presentati in maniera semplice perché il gioco è rivolto agli alunni delle elementari e delle medie: spese fisse, correnti e occasionali, entrate, prestiti e rate. E così il Bacaredda è entrato tra i magnifici dieci invitati a Firenze dove  il 10 e 11 maggio si è avutala sfida finale fra tante altre scuole.

Icotea

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

Compito affidato a una rappresentanza degli studenti, riporta Il Sole 24 ore, era quello di organizzare su due piedi un team marketing di una nuova banca digitale con il compito di individuare una nuova strategia per entrare in contatto con il target giovani.

Una vera e propria campagna con un budget virtuale a disposizione di 100mila euro. I ragazzi del Bacaredda hanno deciso di puntare su una “carta” per ragazzi dai 18 ai 28 anni per i quali è prevista, secondo gli studenti dell’istituto cagliaritano, l’apertura del conto a condizioni vantaggiose e a costi zero.

Dai 20 ai 24 anni il progetto prevede che i giovani vengano seguiti dagli esperti di mercato messi a disposizione dalla banca sia per il lavoro sia per gli studi universitari. Nell’ultima fase i futuri geometri prevedono che la banca intervenga a sostenere l’acquisto ad esempio di una casa. Poi il conto diventa “standard” perché il cliente ha acquisito fiducia nella banca e vuole continuare il percorso. Un’idea che è piaciuta a una giuria di esperti.