Home Attualità Educazione civica attraverso esperienze extrascolastiche: il parere del CSPI

Educazione civica attraverso esperienze extrascolastiche: il parere del CSPI

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il 21 dicembre scorso il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione ha espresso il parere sullo schema di decreto del Ministro recante “Collaborazioni scuola-territorio per l’attuazione di esperienze extrascolastiche di educazione civica”.

In proposito, l’art. 8 della legge 20.8.2019, n. 92, ha previsto l’integrazione dell’insegnamento trasversale dell’educazione civica con esperienze extra-scolastiche, prevedendo la possibilità per le scuole di stipulare accordi con gli Enti del Terzo settore, con particolare riguardo a quelli impegnati nella promozione della cittadinanza attiva.

Il CSPI valuta positivamente tale intervento in quanto ritiene importante offrire alle studentesse e agli studenti l’opportunità di completare, attraverso l’esperienza diretta, quanto previsto nelle Linee guida per l’insegnamento dell’educazione civica allegate alla legge.

ICOTEA_19_dentro articolo

Questo perché oggi più che mai è decisivo affrontare una grande sfida, in collaborazione con il territorio, che vede la scuola impegnata a garantire a tutti una didattica in grado di valorizzare le differenze e i punti di forza di ogni singolo alunno con riferimento a percorsi multipli e a differenti possibilità di espressione tendenti a stimolare e favorire le motivazioni ad apprendere.

E’ pertanto fondamentale la collaborazione tra il mondo della scuola e il Terzo settore, inteso come un concreto impegno civile e solidale in diversi ambiti per il perseguimento di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociali.

SCARICA IL PARERE

Preparazione concorso ordinario inglese