Home Didattica Educazione civica, come progettare e valutare le attività

Educazione civica, come progettare e valutare le attività

CONDIVIDI
  • Credion

Non posso lavorare in modo trasversale, perché mancano spazi orari e i colleghi non sono abituati… Ma che valutazione posso fare nel I quadrimestre se il progetto nella seconda parte dell’anno? Cosa c’entra il voto di Educazione Civica con quello della mia materia? E con quello di condotta? Come valutare progettare osservare valutare e documentare le attività di Educazione Civica? Queste le principali osservazioni che pongono i docenti in relazione alle attività trasversali di Educazione civica. (VAI AL CORSO)

La sperimentazione della Educazione civica – legge 92/19 e linee guida che la descrivono come attività (e non materia) trasversale a tutte le discipline, dalla progettazione alla valutazione nei suoi 3 filoni – pone problemi già emersi nel primo anno di sperimentazione in diversi ordini di scuola.

Icotea

Dalla primaria alle superiori emerge la difficoltà di alcuni gruppi di docenti nel progettare (o meglio a co-progettare), osservare in itinere, per poi valutare (e auto valutare) e documentare una attività che in ogni ordine di scuola, non è più disciplinare e sommativa, ma collegiale e formativa.

Quale progettazione?

Può essere utile un percorso amichevole e attento alle esigenze dei colleghi che accompagni la progettazione, osservazione e valutazione di attività di Educazione Civica, nel momento della loro (ri)definizione, da metà ottobre in poi. Con osservazioni, indicazione di metodi, messa a disposizione di strumenti e riflessioni.

La progettazione, che comprende già in sé i metodi e gli strumenti della valutazione delle attività e della autovalutazione dei processi e dei percorsi dei singoli allievi in Educazione Civica:

1- Deve essere collegiale anche nelle scuole con meno spazi orari, ma anche meno abitudine al confronto.
2- È un lavoro inevitabilmente per competenze (di cittadinanza), modalità non ancora entrata in tutte le realtà.
3- Non può essere una somma o un assemblaggio di contributi delle varie materie.
4- La valutazione prevista deve essere formativa e per competenze quindi le competenze e gli obiettivi cui si tende devono essere previsti già nella progettazione, osservati con strumenti comuni e valutati in modo collegiale, escludendo qualsiasi forma di valutazione disciplinare e sommativa.

Un percorso di progettazione dovrebbe comprendere le seguenti fasi: progettazione per competenze ed obiettivi, osservazione, valutazione formativa ed autovalutazione, revisione dei percorsi e documentazione, perché la scuola fa (non fa finta di fare) ricerca e deve rendere pubblici i propri risultati.

È utile quindi:

  1. chiarire le problematiche connesse alla co-progettazione, osservazione, valutazione e auto valutazione formativa e collegiale, anche alla luce della norma sulla scuola primaria ed in base a quanto emerso dal 1° anno di sperimentazione;
  2. approfondirle in relazione alla attività di Educazione alla cittadinanza e cittadinanza digitale previste dai corsisti, che può svolgersi anche in un solo periodo dell’anno e quindi non è necessariamente periodica (trimestre o quadrimestre);
  3. offrire e motivare metodi e strumenti di Progettazione Osservazione, Valutazione, Documentazione, attraverso buone pratiche, orientate al lavoro per competenze contestualizzate nelle realtà dei partecipanti;
  4. sottolineare la necessità di coinvolgere attivamente gli allievi in tutte le fasi del processo come soggetti attivi;
  5. rendere conto della complessità dei problemi emersi e della contrapposizione fra metodologie tradizionali di lavoro e valutazione e gli stimoli provocati dalla applicazione della legge 92/19;
  6. affrontare le criticità legate alla valutazione collegiale: modalità e rapporto con le valutazioni disciplinari, con il voto di condotta/comportamento, in rapporto con il periodo e così via.

Il corso

Su questi argomenti il corso Programmare e valutare le attività di educazione civicain programma dal 9 settembre, a cura di Rodolfo Marchisio.

Questo percorso vuole accompagnare, in modo dialettico, la progettazione, l’osservazione e la valutazione di attività di Educazione Civica, nel momento della loro (ri)definizione di inizio anno con riflessioni su quanto emerso il primo anno, indicazione di metodi, messa a disposizione di strumenti. Una sfida a ripensare i modi di lavorare e valutare che ci viene dall’Educazione Civica.
Il percorso si articola nei seguenti punti tematici: progettazione per competenze ed obiettivi di Educazione Civica, osservazione, valutazione formativa ed autovalutazione, revisione e documentazione.