Home Precari Floridia: “Inaccettabile la sanatoria di precari”

Floridia: “Inaccettabile la sanatoria di precari”

CONDIVIDI
  • Credion

La sottosegretaria all’Istruzione, Barbara Floridia (M5s), intervistata  dall’AGI ha spiegato: “Sono certa che il ‘Governo dei migliori’ vorrà selezionare i ‘migliori’ anche per la scuola. Ho già, giorni addietro, rappresentato al ministro Bianchi la nostra visione della scuola e la posizione rispetto alle procedure di reclutamento. Inoltre ho portato ai tavoli proposte risolutive rispetto alle richieste urgenti del Paese: avvio dell’anno scolastico e immissioni in ruolo. Ho anche ipotizzato una soluzione per l’immissione in ruolo di ulteriori precari rispetto a quelli che già verranno assunti con lo straordinario che si sta per concludere. Ma una sanatoria non sarebbe accettabile”.

“Proprio adesso – prosegue – per via della pandemia e della prolungata sospensione delle attività in presenza, per le nostre studentesse e i nostri studenti è necessario che in cattedra ci siano, o restino, i docenti migliori. Certamente una buona parte saranno i precari. Ma una sanatoria mortifica la loro bravura e capacità di dimostrare la preparazione e l’esperienza di cui sono portatori”.

Secondo Floridia, “servono inoltre al Paese anche energie nuove, una notevole parte di immissioni in ruolo non può esimersi dal dare un’opportunità a nuove giovani risorse che possano aiutare la scuola ad affrontare nuovi traguardi sfidanti”. 

E’ bene fare chiarezza sui 200 mila precari di cui si parla. Questo è un dato falsato privo di qualsiasi fondamento, in quanto fra questi una parte ha già partecipato al concorso straordinario e verrà assunta a breve – spiega – e la stragrande maggioranza non è supplente in organico di diritto (e che quindi può essere immesso in ruolo) ma sono precari su cattedre di fatto, su cui non si possono effettuare assunzioni. Bisogna ristabilire la verità dei dati e su quelli ragionare, altrimenti si propongono finte soluzioni”.

Su questa stessa posizione anche Bianca Laura Granato (membro della VII Commissione: Beni Culturali, Istruzione, Sport, Spettacolo) che sulla sua pagina Facebook ha scritto:

a 3 anni dall’inizio della legislatura, con un concorso riservato espletato, ancora stiamo a parlare di stabilizzazione indiscriminata dei docenti. 

Chi perora sanatorie è perché vuole clientelarizzare il comparto (PD e Lega) e vuole ribadire l’utilità del proprio ruolo (sindacati), alla faccia della Costituzione che espressamente non a caso parla di concorsi pubblici (art.97), di libertà di insegnamento (art. 33)e sostiene che i pubblici funzionari sono al servizio esclusivo della nazione (art. 98). 

I Padri Costituenti così avevano pensato di tutelarci dall’asservimento dell’istruzione alla politica e dal mercimonio dei titoli di studio, oggi sul mercato fuori da ogni controllo

E chi sarebbero i protagonisti di questa stabilizzazione di massa?

Coloro che NON HANNO SUPERATO IL CONCORSO STRAORDINARIO per giunta semplificato con cui si sarebbero dovuti assumere 32.000 docenti non abilitati.

Dei 64.000 posti disponibili per la scuola secondaria, di cui il 50% sarebbe dovuto andare al concorso straordinario, quota massima prevista dalla Costituzione per i concorsi riservati, TUTTI I POSTI, anche quelli destinati ai vincitori del concorso ordinario, secondo questa folle proposta, dovrebbero andare ai BOCCIATI del concorso straordinario, lasciando ZERO POSTI per il concorso ordinario. Costituzione elusa, danni su danni per gli studenti!

Quindi largo al merito nel #governodeipeggiori !