Home Attualità Gaia, Sofia, Gloria e altri: le storie speciali di “Tutti 10 in...

Gaia, Sofia, Gloria e altri: le storie speciali di “Tutti 10 in pagella”

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Come già scritto nei giorni scorsi, rispetto agli anni passati, per il 2020, Tutti 10 in pagella ha un’altra veste: saranno i docenti a segnalare alla nostra redazione gli alunni più bravi e meritevoli che si sono distinti in situazioni difficili e particolari, pure studiando senza avere a propria disposizione strumenti informatici adeguati.

Tutti 10 in pagella, ecco le prime segnalazioni

Sono già arrivate diverse mail in redazione, ecco i primi casi di alunni cervelloni segnalati da docenti e genitori.

C’è il caso di Savio Rizzuto, alunno siciliano di Cammarata, in provincia di Agrigento: Savio ha seguito per tutto l’anno con profitto le lezioni sia in presenza che in DAD riportando ottimi risultati durante tutto l’anno.

ICOTEA_19_dentro articolo

Poi c’è il caso di Gaia Menini, alunna di un istituto comprensivo di Brescia. Gaia, così come segnala la sua insegnante, “ha sempre manifestato costante interesse e ha lavorato con serietà e costanza. Ha ottenuto un ottimo livello di preparazione, meritando 10 in tutte le discipline”.

Poi c’è Sofia Pomaré, alunna di un istituto comprensivo di Belluno: una ragazza molto impegnata a scuola e nello sport. Sofia abita in alta montagna, a San Nicolò di Comelico, e prende la corriera alle 6 ogni mattina. Una ragazzina solare, sempre pronta ad aiutare i compagni.

Riconoscimento speciale pure per Claudio Di Bartolo, alunno della V B del Circolo Didattico di Zafferana Etnea, in provincia di Catania, davvero un ragazzo brillante, poliedrico, appassionato di danza sportiva e kung fu.

Menzione speciale anche per Michelle Gaia, alunna della prima media dell’istituto comprensivo di Chivasso, in provincia di Torino.

Poi c’è il caso di due alunne della provincia di Catanzaro, Anya Scalzi e Kesia Tirotta: due ragazzine che hanno dimostrato grande interesse sia per la didattica in presenza che quella a distanza.

Poi c’è Gloria Ippolito, studentessa del liceo linguistico “Cassarà” di Palermo, non solo tutti 10 in pagella, ma anche partecipante al progetto Erasmus e alla mobilità in Francia.

E ancora segnaliamo Ilaria Galano, studentessa di un liceo statale di Ischia. Sempre pronta ad aiutare, non ha mai mostrato atteggiamenti spocchiosi o superbi, anzi, ha trascorso interi pomeriggi a studiare con compagni che mostravano una qualche difficoltà.

Infine, l’ultima segnalazione giunge dalla Campania con Gaia De Martino, alunna della VB della scuola primaria di Salerno.

La storia di Gaia, senza nulla togliere agli altri, è davvero speciale: all’inizio del secondo quadrimestre ha subito un intervento molto delicato al cervello che l’ha costretto a stare lontano da scuola per più di un mese. Anche con la didattica a distanza non si è fermata e ha dato il massimo con impegno, educazione, serietà e abnegazione. Bravissima Gaia, bravissimi tutti gli alunni che si sono distinti in questo anno particolare che ricorderanno per tutta la loro vita.

Come segnalare gli alunni più bravi

I docenti potranno effettuare le loro segnalazioni scrivendo a [email protected] ed inviando i seguenti dati:

– breve sintesi dell’esperienza dell’alunno

– numero di telefono di riferimento (solo per uso della redazione) e nominativo di un genitore da contattare, insieme a nome, cognome e città dell’alunno

Presto al via “100 alla maturità”

Nel 2020 rimane inalterata, invece, l’iniziativa riservata agli studenti del quinto anno della secondaria di secondo grado che prenderanno 100 alla maturità 2020: la loro valutazione, infatti, sarà decisamente più sommativa, poiché frutto di una base di giudizio (60 punti) derivanti dalla media dei voti degli ultimi tre anni di studio, compresi i crediti derivanti dei percorsi Pcto e da tutte le esperienze extra-scuola, più l’esito del colloquio finale interdisciplinare (40 punti) alla presenza dei commissari d’esame.

Preparazione concorso ordinario inglese