Home Attualità Galli: la terza ondata coinciderà col rientro a scuola

Galli: la terza ondata coinciderà col rientro a scuola

CONDIVIDI
webaccademia 2020

“Avremo contezza dei casi di contagio avvenuti a Natale proprio attorno al 7 gennaio, quando riapriranno le scuole”: lo sostiene il professor Massimo Galli, primario infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano e docente all’università Statale.

E poi spiega, nel corso di una intervista al Messaggero, la logica seguita per imporre i divieti relativi al 25 e 26 dicembre e per il primo gennaio: “Limitare gli spostamenti, anche da comune a comune, serve a diminuire gli incontri tra le persone e, dunque, la circolazione del virus. Arriviamo a queste feste  di Natale in una condizione epidemiologica molto differente da quella che precedette le vacanze estive. Oggi siamo ancora a 18mila casi giornalieri, sono moltissimi: una base per la terza ondata molto elevata”.

“Alcuni miei colleghi dicono che la terza ondata è inevitabile. Ma anche se la chiamiamo prolungamento della seconda, poco cambia. Però è evidente che nel momento in cui gli spostamenti accentuassero i rischi che stiamo correndo, sarebbe una certezza vedere ricrescere in modo marcato i contagi.”

ICOTEA_19_dentro articolo

Pere Galli dunque l’obiettivo delle limitazioni durante le feste è semplice: “ridurre il numero delle persone che si muovono. Più apertura dai, più rischio aggiungi. Io spero che i cittadini usino il buon senso”. 

E conclude: “Il periodo delle feste vedrà anche un calo dell’esecuzione dei tamponi molecolari. I dati per un po’ saranno imperfetti. I segnali potrebbero arrivare attorno al 7 gennaio, quando dovremo riprendere alcune attività, a partire dalle scuole in presenza. Questa è una ipotesi che purtroppo ha delle possibilità concrete di realizzarsi”. 

Preparazione concorso ordinario inglese