Home Archivio storico 1998-2013 Generico “Genitori in fuga”

“Genitori in fuga”

CONDIVIDI
webaccademia 2020

L’ultimo Rapporto realizzato dall’Eurispes, in collaborazione con Telefono Azzurro, la cui introduzione s’intitola "Genitori in fuga", mette molto bene in evidenza la solitudine dei minori costretti a trovare le risposte alle loro domande di  crescita e di sviluppo, più che nella famiglia, altrove anche se, per altro verso, esprimono tanta voglia di famiglia.
La vita dei bambini, secondo il "Rapporto Nazionale sulla condizione dell’infanzia, della preadolescenza e dell’adolescenza", è dominata dalla televisione alla quale recentemente si sono affiancate  le nuove tecnologie, l’internet e i telefonini.

Dure le accuse contro la televisione davanti alla quale i minori trascorrono troppe ore, quasi 1.100 l’anno, di fronte alle 800 che trascorrono tra i banchi a scuola.

Nel 2000 il 64,4% dei bambini italiani ha usato un computer. Di essi, però, il 56,4% se ne è servito per i videogiochi, il 15,4% per navigare in Internet. Solo il 27% l’ha utilizzato per lo studio.

Nel Rapporto i genitori vengono impietosamente messi sotto accusa. Hanno, infatti, rinunciato al loro ruolo di educatori demandando ai mass media, prima, e alla scuola, dopo, il compito di educatori.

Il 43,1% degli studenti delle scuole superiori, nonostante la crisi della famiglia, vede questa come un "nido", il 24,7% come un "albergo", il 14,7% come una "tana". Solo il 2% come una "casa". Ancora: per il 58,3%  la famiglia dà protezione, per il 36,2% detta regole e condotte di vita.

La famiglia,  per i due terzi degli intervistati, è tenuta insieme dall’amore, per il 4,7% dall’abitudine.
I genitori sono considerati "moderni" dal 28,9% dei ragazzi intervistati, dal 25,8% "comprensivi", dal 10,3% "tolleranti" e dall’1,7% intolleranti.

I genitori sono generosi con i loro figli e li fanno aggetto di regali solo se sono bravi a scuola. Il 66% dei bambini delle scuole elementari  e il 54% dei ragazzi delle scuole medie, infatti, riceve doni e regali dai genitori solo per i successi a scuola.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese