Home Ordinamento scolastico Giannini: una classe di concorso per l’italiano come seconda lingua

Giannini: una classe di concorso per l’italiano come seconda lingua

CONDIVIDI
  • Credion

I primi Stati generali della lingua italiana nel mondo,  è una iniziativa voluta dal ministero degli Affari Esteri che presenterà anche il libro bianco sull’italiano: dove si impara, nei vari paesi, come sta cambiando la mappa della richiesta di corsi e lezioni. Questa è anche un’occasione per approfondire le strategie di diffusione della nostra lingue e per fare il punto sulle nuove sfide da affrontare. Gli Stati generali cadono in contemporanea con la XIV Settimana della Lingua Italiana nel Mondo.

Rispondendo in seguito ai giornalisti che le chiedevano, a margine dei lavori a Palazzo Vecchio, se stesse pensando a cattedre di italiano nelle scuole come seconda lingua per gli studenti immigrati, Giannini ha risposto: “Penso a quei ragazzi che sono il 10% di tutti gli studenti nel nostro paese: occorre assumere consapevolezza del fatto che l’inclusione linguistica è fondamentale anche ai fini del percorso, in cui la scuola ha un ruolo, di ius soli temperato per acquisire cittadinanza”.

Icotea

La ministra poi sottolinea che “finora il nostro paese ha fatto poco, non ha ancora sviluppato tutta la sua potenzialità soprattutto per paesi che guardano a noi come interlocutore economico, politico, ma soprattutto formativo”.

Per questo serve una nuova generazione di maestri e prof di italiano, formati per insegnare la lingua ai figli di immigrati. Ai giornalisti parla anche dell’idea di legare la cittadinanza italiana all’istruzione: “Mi sembra giusto legare la cittadinanza all’istruzione, già in passato avevo parlato di uno ius soli et culturae. L’italiano deve diventare strumento integrazione per bambini che devono riconoscersi nel nostro Paese, sentirsi italiani come già sono”.