Home Attualità Green pass, nuove regole con il decreto 122 in Gazzetta Ufficiale; controllo...

Green pass, nuove regole con il decreto 122 in Gazzetta Ufficiale; controllo anche per i genitori

CONDIVIDI
  • Credion

E’ stato approvato e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale in tempo record il decreto legge con cui il Governo ha deciso di estendere l’uso del green pass per l’ingresso a scuola e in altri servizi educativi e formativi.
Il decreto è il numero 122 ed entra in vigore nella giornata dell’11 settembre.
La modifica principale, come abbiamo già annunciato riguarda il fatto che d’ora innanzi tutti coloro che entreranno a scuola dovranno essere dotati di green pass.

L’articolo 1 del decreto precisa che la nuova regola si intende applicabile, oltre che al personale statale, anche al personale dei servizi educativi per l’infanzia, dei centri provinciali per l’istruzione degli adulti  CPIA),  dei  sistemi  regionali  di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP), dei  sistemi  regionali che  realizzano i percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) e degli Istituti Tecnici Superiori (ITS). 

Icotea

Inoltre si chiarisce che “fino al 31 dicembre 2021, termine di cessazione dello stato di emergenza, al fine di tutelare la salute pubblica, chiunque accede alle strutture delle istituzioni scolastiche, educative e formative, deve possedere ed è tenuto a esibire la certificazione verde COVID-19″.
Fanno eccezione i bambini, gli alunni e gli studenti nonché i frequentanti i sistemi regionali di formazione.

Per quanto riguarda altro personale il decreto fissa una regola che non sarà facile applicare: nel caso in cui l’accesso alle strutture sia motivato da ragioni di servizio o di lavoro, la verifica sul rispetto delle prescrizioni, dovrà essere effettuata non solo dai dirigenti scolastici o dai responsabili dei servizi ma anche dai rispettivi datori di lavoro.

Le nuove disposizioni potrebbe comportare complicazioni di non poco conto soprattutto per quanto concerne i genitori che, soprattutto nelle scuole dell’infanzia e negli asili nido, hanno da sempre accesso ai locali scolastici anche allo scopo di facilitare l’accoglienza dei bambini.