Home Archivio storico 1998-2013 Estero I bambini del nuovo Millennio e l’ambiente

I bambini del nuovo Millennio e l’ambiente

CONDIVIDI
webaccademia 2020

La conferenza, di tre giorni, si propone come un forum di discussione, destinato ai bambini dai 10 ai 12 anni durante il quale saranno scambiate esperienze, espresse preoccupazioni e date adesioni alla rete mondiale dell’ambiente al fine di promuovere azioni positive e per elaborare una Carta da presentare attraverso le Nazioni Unite ai singoli Governi.
La prima conferenza internazionale dei bambini, si è tenuta anni fa, nel 1995, come risultato delle esigenze dei governi di prestare attenzione agli interessi ed alle opinioni espresse dai più giovani nei confronti dell’ambiente.
La conferenza di quest’anno, in linea con la precedente, approfondirà nel corso delle tre giornate i seguenti temi:

I Giorno – Sharing the Planet (Vivere nello stesso pianeta), in cui verrà affrontato il problema dei danni causati dall’uomo al pianeta tramite le attività di caccia, pesca, e con l’opera di urbanizzazione che distrugge molte specie viventi e relativi habitat;
II Giorno – Water is life (l’acqua è vita), che affronta il problema dell’inquinamento  e dell’esaurimento delle risorse idriche da parte dell’uomo.
III Giorno  -Living in the cities (Vivere nelle città) che affronta il tema del sovrappopolamento delle città e della mancanza di spazio che ne consegue, cosi’ come l’aumento della produzione dei rifiuti e relativo smaltimento.
Nel pomeriggio, invece, i partecipanti avranno la possibilità di seguire seminari su temi specifici quali: esplorando Internet per idee ambientali, irrigazione e conservazione delle acque.

Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

ICOTEA_19_dentro articolo

The Conference People
Lismore House 14
Lismore Road Eastbourne
BN21 3AT England
Tel: +44 (0) 1323 726622
Fax: +44 (0) 1323 644904
E-mail: [email protected]
Il programma della conferenza può essere consultato al seguente indirizzo Internet:
http://www.unep.org/unep/per/cpi/icc/Programme.htm

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese