Home Attualità I Vip ai docenti: “Fate il test sierologico”. Appello corale in vista...

I Vip ai docenti: “Fate il test sierologico”. Appello corale in vista del ritorno in classe

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Da Simona Ventura a Iva Zanicchi. Passando per Maria Grazie Cucinotta: i Vip invitano i docenti a sottoporsi al test sierologico in vista della riapertura scuole.

A raccogliere questi appelli l’agenzia AdnKronos: “Trovo assurdo che ci siano insegnanti che si rifiutano di fare il test sierologico. Bisogna farlo assolutamente”. Questo l’appello che fa Iva Zanicchi.Ma che cosa gli costa? – chiede la Zanicchi – Bisogna riaprire queste benedette scuole e rimandarci i nostri figli in sicurezza”.

Toni più pacati per la cantante Arisa: “Qual è il problema di fare i test sierologici? Io ho fatto il test prima di andare a trovare i miei genitori. Ci sta. Se ami qualcuno lo fai. E se i professori amano il lavoro che fanno e amano i ragazzi, devono tutelarli e fare il test sierologico che poi non è niente di che. Impegna dieci minuti del nostro tempo“.

ICOTEA_19_dentro articolo

Di piglio polemico, invece, l’intervento di Maria Grazia Cucinotta: “Qui andiamo a parlare di bambini. Chi si rifiuta è una persona irresponsabile, quindi dico ai professori di non essere irresponsabili e fare il test“.

L’attrice e produttrice ha aggiunto: “Un bambino può essere asintomatico, ma tornare a casa e contagiare il nonno e a chi si rifiuta di farlo dico che ci sono tante altre persone responsabili che cercano lavoro…

Anche Simona Ventura esprime un pensiero sulla questione test sierologici: ‘‘Fare il test sierologico è un dovere e per gli insegnanti dovrebbe essere obbligatorio. Questo permetterebbe di isolare i positivi a casa cercando di non infettare tutti gli altri. Perciò esorto i docenti a farlo! Dobbiamo fare di tutto affinché non si torni in lockdown perché questo Paese non lo sopporterebbe più”. 

Bisogna fare i test sierologici e qualunque cosa possa dare serenità e sicurezza ai nostri ragazzi -aggiunge la Ventura- Bisogna fare di tutto per far rientrare gli studenti a scuola, la malattia vince nel momento in cui la paura ci sovrasta e non tentiamo di ricongiungerci. Non mi piace questo mondo di smartwork e questa solitudine dalla comunità”.

‘Io ho due figli che vanno a scuola -conclude la conduttrice– Caterina di 14 anni e Giacomo di quasi 20, io gli ho fatto fare a entrambi il test sierologico e penso che lo dovrebbero far fare tutte le famiglie ai propri figli”.

In realtà sono tanti i docenti che non riescono a fare il test sierologico

I personaggi in questione si riferiscono ai dati diffusi dalla Fimmg, Federazione dei medici di medicina generale, che ha rilevato come al momento il 30% del personale scolastico si rifiuterebbe di effettuare il test sierologico.

In realtà, come abbiamo già segnalato, i problemi legati ai test sierologici non dipendono esclusivamente dalla volontà di docenti e Ata: infatti abbiamo già scritto sul ritardo di alcune Regioni, tanto che ancora in moltissimi casi i medici di quei territori non hanno nemmeno il kit per il test sierologico.

In effetti sono tanti i lettori che in questi giorni ci hanno segnalato di non aver potuto fare il test sierologico proprio a causa del rifiuto del proprio medico.

Preparazione concorso ordinario inglese