Home Attualità Il 2017 anno della nonviolenza. Appello del Papa

Il 2017 anno della nonviolenza. Appello del Papa

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il primo gennaio, 50esima Giornata mondiale della pace, risuoneranno le parole di Papa Francesco: “Essere veri discepoli di Gesù oggi significa aderire anche alla sua proposta di nonviolenza”.

 “La nonviolenza – prosegue Francesco – per i cristiani non è un mero comportamento tattico, bensì un modo di essere della persona, l’atteggiamento di chi è così convinto dell’amore di Dio e della sua potenza, che non ha paura di affrontare il male con le sole armi dell’amore e della verità. L’amore del nemico costituisce il nucleo della rivoluzione cristiana”.

“Anche Gesù visse in tempi di violenza”, sottolinea il Papa: “Egli insegnò che il vero campo di battaglia, in cui si affrontano la violenza e la pace, è il cuore umano”.

ICOTEA_19_dentro articolo

“Quando impedì a coloro che accusavano l’adultera di lapidarla e quando, la notte prima di morire, disse a Pietro di rimettere la spada nel fodero, Gesù tracciò la via della nonviolenza, che ha percorso fino alla fine, fino alla croce, mediante la quale ha realizzato la pace e distrutto l’inimicizia. Perciò, chi accoglie la Buona Notizia di Gesù, sa riconoscere la violenza che porta in sé e si lascia guarire dalla misericordia di Dio, diventando così a sua volta strumento di riconciliazione, secondo l’esortazione di san Francesco d’Assisi: ‘La pace che annunziate con la bocca, abbiatela ancor più copiosa nei vostri cuori’”.

 

{loadposition carta-docente}

 

“Un appello in favore del disarmo, nonché della proibizione e dell’abolizione delle armi nucleari” è quello rivolto da Papa Francesco ai governi di tutto il mondo. “Un’etica di fraternità e di coesistenza pacifica tra le persone e tra i popoli non può basarsi sulla logica della paura, della violenza e della chiusura, ma sulla responsabilità, sul rispetto e sul dialogo sincero”, scrive Francesco sottolineando che “la deterrenza nucleare e la minaccia della distruzione reciproca assicurata non possono fondare questo tipo di etica”.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese