Home Archivio storico 1998-2013 Generico Il gioco: tra tecnologia e tradizione

Il gioco: tra tecnologia e tradizione

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Con chi giocano i bambini? Quali sono i loro giochi preferiti? Ci sono differenze fra bambini e bambine?  Quanto e come i genitori partecipano all’attività ludica dei figli?

A queste ed altre domande risponde una indagine condotta dell’Istat i cui risultati sono stati presentati alla stampa il 20 dicembre. La ricerca, intitolata "Famiglia, soggetti sociali e condizione dell’infanzia", si riferisce al 1998 ed ha coinvolto un campione di 24.000 famiglie, per un totale di circa 60.000 individui.

Quando non sono a scuola, più della metà dei bambini, da 3 a 10 anni, gioca con fratelli e sorelle. Può contare sulla presenza di amici e compagni di scuola più di un terzo dei bambini nei giorni festivi e quasi la metà in quelli feriali. Il gruppo dei pari ha insomma un’importanza decisiva anche se la ricerca svela che, nei giorni feriali, i bambini giocano con la madre nel 30 per cento dei casi e con il padre nel 22 per cento; nei giorni festivi queste quote salgono, rispettivamente, al 39 e al 40 per cento.

ICOTEA_19_dentro articolo

Anche se siamo in piena era tecnologica, bambole, automobiline e trenini rappresentano ancora, per i bambini da 3 a 5 anni, i giocattoli preferiti: le bambole sono il gioco prediletto di quasi 4 bambine su 5, mentre i mezzi di trasporto in miniatura entusiasmano 2 bambini su 3.
Tra i 6 e i 10 anni le loro preferenze cambiano decisamente, i giochi di movimento incominciano a prevalere, tanto che il 72 per cento dei bambini indica nel pallone il gioco preferito.
Fra i 6 e i 10 anni prendono piede anche i giochi di ruolo (mamma e figlia, venditore e cliente, maestra e alunno, ecc..) che però appassionano le bambine assai di più rispetto ai maschi  (il 25 contro il 7 per cento)

Ma allora computer e videogiochi sono assenti?
Niente affatto: nella fascia di età fra i 3 e i 5 anni i bambini che amano i videogiochi e computer sono il triplo delle bambine (20 per cento contro 7 per cento).
Tra i 6 e i 10 anni, questa tipologia di gioco diventa quella prevalente, ma solo per i maschi: viene segnalata tra i giochi preferiti per il 60 per cento dei bambini e  soltanto per il 29 per cento delle bambine.

"Differenze così accentuate – osservano i ricercatori dell’Istat – sembrerebbero indicare che il processo di superamento delle barriere culturali che hanno ostacolato le donne nell’accesso alla conoscenza e all’uso della tecnologia non sia ancora concluso".

Ma che nel nostro Paese l’anima tecnologica conviva con un’anima più tradizionale sembra dimsotrato da un dato interessante e per certi aspetti sorprendente: l’80 per cento dei bambini dai 3 ai 5 anni sente leggere dalle mamme fiabe e storie; tra i 6 e i 10 anni, la percentuale supera ancora il 50 per cento.
Nel 55 per cento i bambini ascoltano storie inventate raccontate dalla mamma e nel 35 per cento dal papà.
E infine la ricerca ci segnala che più della metà dei bambini canta, balla o suona insieme con la mamma, il 62 ascolta la musica insieme a lei; queste stesse cose vengono fatte con i padri rispettivamente, dal 33 e dal 44 per cento dei bambini.

Preparazione concorso ordinario inglese